Le iniziative nelle biblioteche della zona sud Milano

Fra Cristoforo: teatro, musica e una mostra fotografica Mercoledì 21 settembre, alle 18,si terrà la rappresentazione “Game of Sforza”, che racconta le vicende, le passioni e gli intrighi dei cinquant’anni di dominio sforzesco a Milano. «Gli

biblioteche, Le iniziative nelle biblioteche della zona sud Milano

Fra Cristoforo: teatro, musica e una mostra fotografica

sfogliando-milano-1-soubachakisMercoledì 21 settembre, alle 18,si terrà la rappresentazione “Game of Sforza”, che racconta le vicende, le passioni e gli intrighi dei cinquant’anni di dominio sforzesco a Milano. «Gli Sforza sono sempre stati un mio pallino – dice l’autore e interprete, Davide Verazzani – e non ho mai sopportato che fossero meno celebri di altre casate, come i Medici e i Borgia. Così, ecco finalmente svelati i misteri di casa Sforza, segnati da lussuria e brama di potere, arroganza e tradimenti, ma anche da insospettabili squarci di amicizia, bellezza e amore. La mia sarà una sorta di lezione-spettacolo coinvolgente, piena di sorprese, musiche, immagini e colpi di scena». Venerdì 16, ore 18, la guida turistica Laura Soubachakis terrà la conferenza “Sfogliando Milano”, in cui parlerà dell’importante ruolo dell’acqua nella nostra città, soffermandosi, oltre che sul sistema dei Navigli, su rogge e canali che a volte sono ancora visibili e ci consentono di seguire il loro corso, come nel caso della roggia Vettabbia.

Il 23, alle 18, il pianista Christopher Howell e il violinista e compositore Gianfranco Messina presenteranno il Cd “Tosti and Friends”, che riunisce esecuzioni del trio composto da questi due musicisti e dal soprano Ninny Nobile. «Il Cd – chiarisce il maestro Messina – ha l’obiettivo di rivalutare un repertorio quasi dimenticato: quello dei tanti italiani che, come Francesco Paolo Tosti, scrissero in terra anglosassone e furono apprezzati nell’Inghilterra vittoriana. Il concerto comprende anche liriche in lingua tedesca e francese specificamente ideate per la particolare formazione del trio soprano-violino-pianoforte, con un omaggio allo stile fin de siècle adatto alla mia propensione melodica e alle mie scelte armoniche e formali». Durante la presentazione saranno eseguiti diversi brani musicali.

Venerdì 30, alle 18, con l’intervento del critico d’arte Denis Curti, sarà inaugurata la mostra fotografica “Quasi un autoritratto”, di Giuseppe Candiani, che proseguirà fino al 29 ottobre. “Lucio Dalla dedica alla città meneghina parole indimenticabili. Potrebbero essere le didascalie di queste immagini: ‘Milano vicino all’Europa … Milano che ride e si diverte … Milano che quando piange piange davvero …’ – scrive Curti. – Ed è proprio questo che conquista delle fotografie di Giuseppe: la musicalità, la morbidezza, quell’andamento lento che si può permettere solo chi trasforma il vedere in acuta osservazione”. «Mi avvicino ai diversi contesti milanesi con uno spirito curioso – aggiunge il fotografo. – Provo le inquadrature finché non sono soddisfatto. Cammino anche per ore alla ricerca di un’atmosfera inedita. Con la fotografia esprimo i miei sentimenti e le mie emozioni. Nella presente esposizione, tutta in bianco e nero, è l’amore per questa città a essere protagonista. Qui c’è la mia Milano del cuore, così come io la vedo, come la interpreto e, forse, come vorrei che fosse». Nel corso dell’inaugurazione il pubblico potrà seguire una lezione sulla fotografia tenuta da Denis Curti. Il primo di ottobre, alle 10.30, in occasione della Festa dei Nonni, che ricorrerà il giorno successivo, i bambini da 5 a 10 anni potranno divertirsi con “Profumi d’Estate”, un laboratorio creativo a cura del “Crct” e delle “Donne del martedì”. È necessaria la prenotazione.

Mercoledì 5 ottobre, alle 18, inizierà un corso base di lingua araba in dieci lezioni tenuto da Carlo Rotondi, che ha una un’esperienza decennale negli studi islamici, e dall’insegnante di recitazione Nabil El Ashmawi. Iscrizione obbligatoria al tel. 02/88465806.

Sant’Ambrogio: dalla narrativa alla poesia

Giovedì 15 settembre, alle 17.30 appuntamento col “Club degli incorreggibili lettori”, il gruppo di lettura della biblioteca, per commentare il libro di Primo Levi “Il sistema periodico”, nel quale l’autore rievoca la sua vita e la tragica storia della sua generazione durante il fascismo, la guerra e la deportazione. L’ultima parte dell’opera ricorda le conquiste scientifiche degli studiosi che si dedicarono alla chimica per cercare di penetrare nei segreti della materia. «Desideriamo anche riprendere le nostre letture poetiche, il mercoledì dalle 17.30 alle 19, – dice la responsabile della ‘Sant’Ambrogio’, Emanuela Semenzato. – Per questo invitiamo gli appassionati di poesia a mettersi in contatto con la biblioteca, telefonando allo 0288465814 o inviando una mail a: c.bibliosantambrogio@comune.milano.it . Così potremo stabilire insieme calendario e contenuti degli incontri, che ripartiranno da ottobre». «La poesia è una voce dell’umanità – spiega la conduttrice dell’iniziativa, Nicoletta Czicck, – è un patrimonio di immagini, suoni, ritmi, silenzi che può vivificare e trasformare la relazione stessa che abbiamo con la realtà. Durante gli incontri, come in passato, cercheremo di far risuonare in noi le voci dei poeti di ogni tempo con l’intenzione di familiarizzare con loro e anche di individuare i grandi temi di cui la poesia offre testimonianza viva, libera, essenziale. Partiremo da letture poetiche e considerazioni che io proporrò per far affiorare emozioni, pensieri e contributi da parte dei presenti».

Chiesa Rossa: dibattiti su storia, scienza e società

Questo mese la biblioteca propone tre dibattiti coordinati dal professor Giuseppe Deiana, presidente del “Centro Comunitario Puecher”. Il primo incontro, “XX settembre – Porta Pia”, martedì 20, alle 21, è dedicato a un tema controverso: la laicità dello Stato e il ruolo della Chiesa cattolica nella società italiana dal 1870 a oggi. Partendo da una riflessione su alcuni importanti articoli della nostra Costituzione, verrà delineata la prospettiva di un fecondo rapporto tra libertà religiosa e democrazia. L’argomento sarà illustrato anche attraverso la presentazione di immagini. Interverrà lo storico Claudio Gallonet. Il giorno successivo, sempre alle 21, l’attenzione sarà invece rivolta a “Lo sguardo dell’uomo sull’Universo”. Il saggista Andrea Cattania esaminerà lo sviluppo delle capacità cognitive umane nel corso della storia, dall’- Homo erectus e dall’Homo sapiens fino ai nostri giorni. Verranno quindi analizzate la varie interpretazioni dell’universo presentate nella religione, nell’arte, nella metafisica e nelle scienze naturali. Chiuderà l’incontro una breve panoramica sulla fisica contemporanea.

clint-eastwoodLunedì 26 settembre ore 20,45, si tiene la prima serata con “il Clint Eastwood italiano”, a cura di Bruno Contardi, suoni e immagini di Angela Contardi. Dopo il successo degli incontri realizzati in primavera, riprendono presso la Biblioteca Chiesa Rossa gli incontri sul cinema, a cura di Bruno Contardi. La prima proposta è un percorso di treincontri di avvicinamento a un grande personaggio del cinema mondiale, Clint Eastwood. Parole, immagini, musiche, accompagneranno i presenti lungo un mezzo secolo di storia del cinema e del costume.  «Sul finire dell’estate – ci spiega Bruno Contardi – del 1964 irrompe sugli schermi “Per un pugno di dollari” e il western diventa italiano. Diretto da Sergio Leone, il protagonista assoluto, poncho sigaro e cappello, è un giovane attore americano semisconosciuto destinato a diventare un’icona del cinema mondiale. Tutto ha inizio a Cinecittà: cosa vede Clint nel 1964? – continua Contardi – Un paese in grande evoluzione, in un periodo storico denso di fatti e personaggi colpevolmente dimenticati. Una prima serata che è un tuffo nella memoria, un come eravamo o come erano i nostri padri, a ricreare un’atmosfera ricca di immagini, musiche e parole, in cui saremo tutti attivamente coinvolti».

Infine, mercoledì 28, ore 21, attraverso la presentazione del libro di Umberto Ursetta “La mafia al femminile tra vittime e ribelli”, si parlerà del ruolo delle donne nella ‘ndrangheta, da Lea Garofalo a Giuseppina Pesce. Fra gli altri, parteciperanno alla discussione l’autore del volume e Jole Garuti, direttrice del “Centro Studi Sao”, che si occupa di mafia, antimafia, diritti umani e civili.

Fabrizio Ternelli

(Settembre 2016)

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di dargli un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO