5Square di via Antegnati, online l’avviso per gli affitti di 102 appartamenti a canone convenzionato

Al via oggi la raccolta delle candidature per i 102 appartamenti dell’intervento di housing sociale 5Square in via Antegnati, al Vigentino. Come per l’avviso di febbraio, che ha visto assegnare 188 appartamenti in pochi mesi, i 102

Al via oggi la raccolta delle candidature per i 102 appartamenti dell’intervento di housing sociale 5Square in via Antegnati, al Vigentino. Come per l’avviso di febbraio, che ha visto assegnare 188 appartamenti in pochi mesi, i 102 alloggi saranno dati in locazione a canone convenzionato con contratti 4 + 4 anni, rinnovabili. I canoni mensili degli alloggi vanno da circa 400 euro per i monolocali a 770 euro per i quadrilocali. Il termine per avanzare le candidature è il 21 luglio, la verifica dei requisiti avverrà entro fine agosto e la sottoscrizione dei contratti in ottobre. Gli alloggi saranno consegnati nel primo trimestre del 2022. Promotori dell’intervento Redo sgr, gestore del Fondo Immobiliare di Lombardia Comparto Uno, e Fondazione Housing Sociale.

I requisiti per avanzare la candidatura e accedere agli alloggi sono:

  1. CITTADINANZA: avere cittadinanza italiana o di uno stato aderente all’Unione Europea, o di altro Stato, in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale o di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. Tale requisito deve sussistere anche alla data di sottoscrizione del contratto e deve permanere in costanza di rapporto.
  2. RESIDENZA: residenza o svolgimento di attività lavorativa (e/o di studio) esclusiva o principale nel Comune di Milano o all’interno della Città Metropolitana di Milano nel momento di sottoscrizione della manifestazione di interesse.
  3. REQUISITI DI REDDITO: possedere un reddito complessivo risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi non superiore a quello massimo stabilito annualmente dalla Regione Lombardia per accedere all’edilizia agevolata, incrementato del 25% (in forza dell’ultimo aggiornamento dei limiti di reddito operato da Regione Lombardia con decreto del dirigente della struttura “Sviluppo dell’offerta abitativa” n. 2670 del 2 marzo 2020 pubblicato sul BURL s.o. n.10 del 06.03.2020: 77.040,33 € incrementato del 25% = 96.300,41 €) e con l’abbattimento legalmente previsto per ogni figlio a carico. (Al fine di valutare la sussistenza di tale parametro, le persone interessate ad aderire all’iniziativa devono rivolgersi presso il centro di assistenza fiscale, Caf, convenzionato con il progetto 5SQUARE).
  4. ULTERIORI REQUISITI:
  • non essere titolare il dichiarante, o il coniuge non legalmente separato e/o convivente, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare sul territorio nazionale (è fatto salvo il caso in cui la vendita dell’alloggio posseduto sia perfezionata prima della sottoscrizione del contratto di locazione definitivo con un impegno alla vendita a corredo della firma della proposta irrevocabile di locazione);
  • assenza di precedente assegnazione in proprietà in regime di edilizia convenzionata e/ realizzato con contributo pubblico o finanziamento agevolato in qualunque forma concesso dallo Stato, Regione o altro ente pubblico ad un componente del nucleo familiare di alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare;
  • assenza di precedente assegnazione in locazione di un alloggio di ERP qualora il rilascio sia dovuto a provvedimento amministrativo di decadenza per aver destinato l’alloggio o le relative pertinenze ad attività illecite che risultino da provvedimenti giudiziari e/o della pubblica sicurezza3;
  • non essere stato sfrattato da alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica per morosità negli ultimi 5 anni;
  • non aver occupato senza titolo alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica negli ultimi 5 anni.

Per maggiori informazioni e avanzare candidature: www.5square.it

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di darle un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO