Xmas Party alla Scuola della Seconda Opportunità Arcadia/Feraboli. Avviata una raccolta fondi per l’acquisto di due Lim

Martedì 20 dicembre, ore 12 – Ad accogliere gli ospiti ci sono i ragazzi e i loro insegnanti. È in corso una grande festa di Natale, con un fantastico buffet preparato per l’occasione dagli studenti:

Arcadia, Xmas Party alla Scuola della Seconda Opportunità Arcadia/Feraboli. Avviata una raccolta fondi per l’acquisto di due Lim

Martedì 20 dicembre, ore 12 – Ad accogliere gli ospiti ci sono i ragazzi e i loro insegnanti. È in corso una grande festa di Natale, con un fantastico buffet preparato per l’occasione dagli studenti: salatini, tartine tagliate ad alberello, focacce e pizzette, spiedini vegetariani. Poi dolci, pandoro, sfogliatelle… E guai a non assaggiare tutto! L’atmosfera è frizzante. I locali ampi e luminosi che ospitano il Xmas Party della Scuola della Seconda Opportunità sono quelli dell’Arcadia, in via Feraboli. «Finalmente una sede degna, una vera scuola» ha sottolineato don Eugenio Brambilla, l’anima di questa importante attività di recupero scolastico, nata nel 2001 e oggi supportata dalla Fondazione Sicomoro e dall’Associazione Mike Bongiorno (non a caso le due aule dedicate si chiamano “Rischiatutto” e “Lascia o raddoppia?”).
Appesi alle pareti del grande corridoio al primo piano, i lavori, bellissimi, degli studenti. Tema: l’albero, cioè la vita. In tutte le declinazioni tecniche e cromatiche: dal tratto in bianco e nero all’acquarello multicolore, ai collage. Presenti anche tanti amici e, per il Municipio 5, il presidente della Commissione Educazione, Marco Campagnano con la vice Silvia Soresina.

20 dicembre 2016, Aperitivo di Natale organizzato dai ragazzi della scuola della seconda opportunità I CARE di Milano della Fondazione Sicomoro per l'Istruzione ONLUS. Padre Eugenio Brambilla consegna i regali di Natale ai ragazzi.

20 dicembre 2016, Aperitivo di Natale organizzato dai ragazzi della scuola della seconda opportunità I CARE di Milano della Fondazione Sicomoro per l’Istruzione ONLUS. Padre Eugenio Brambilla consegna i regali di Natale ai ragazzi.

Don Brambilla ricorda ai presenti che la Fondazione Sicomoro, impegnata a contrastare l’abbandono scolastico e a sostenere i venti ragazzi che frequentano questa Scuola della Seconda Opportunità alla conquista della licenza di terza media, lancia un appello natalizio: una raccolta fondi per l’acquisto di due lavagne multimediali (una per Milano e una per la sede di Lodi), un mezzo tecnico in grado di rendere più facile lo studio e l’apprendimento. Ma oggi, come abbiamo visto, il progetto di questo corso di studi è sostenuto anche dalla Fondazione Mike Bongiorno: un impegno che è la proiezione di un accordo preso con la precedente giunta di Zona 5, guidata da Aldo Ugliano, e oggi sostenuta anche dal Municipio 5 presieduto da Alessandro Bramati. In un primo tempo la Fondazione Bongiorno aveva valutato la possibilità di aiutare la realizzazione di una piazza “Allegria!”, sotto le torri bianche del Gratosoglio, ma poi la scelta è andata nella direzione del recupero scolastico.
Alle 13 gli ospiti se ne vanno. Stringono tra le mani le cartoline benauguranti create dai ragazzi: sopra ci sono tutte le loro firme e, per ogni cartolina, una cover molto creativa e coloratissima, e una frase sempre diversa. A me è toccata questa: “Dai ciò che hai. Per qualcuno, può essere meglio di quanto osi pensare (Henry Longfellow).
Ma ora arrivano i genitori, e la festa continua…
Per acquistare due LIM basterà raccogliere 5mila euro. Chi volesse donare anche una piccola cifra, aiutando tantissimo questi ragazzi, potrà farlo così:
“A Natale: insieme è possibile!”
IBAN IT37 H033 5901 6001 0000 0072 948 – BIC BCITITMX – Banca Prossima”.

Giovanna Tettamanzi
(22 dicembre 2016)
Foto di Michela Benaglia per Fondazione Sicomoro

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di dargli un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO