Biblioteche, a settembre un’offerta culturale sempre più ricca e diversificata

Alla Fra Cristoforo a tavola con il mondo e con Dante Il cibo è un elemento primario che accomuna tutti, ma le consuetudini alimentari sono diverse nel mondo: svelano usanze, costumi, comportamenti differenti e quindi ci

bambini-biblioteca-chiesa-rossaAlla Fra Cristoforo a tavola con il mondo e con Dante

Il cibo è un elemento primario che accomuna tutti, ma le consuetudini alimentari sono diverse nel mondo: svelano usanze, costumi, comportamenti differenti e quindi ci caratterizzano, raccontando molto di noi e del nostro modo di vivere. I bambini dai 5 agli 11 anni ne avranno un esempio divertente, sabato 19 settembre, alle 10.30, “sedendosi” “A tavola col mondo”. L’iniziativa consisterà in una narrazione orale, a cura del Centro Orientamento Educativo (COE). Un cantastorie racconterà le tradizioni della cucina africana. È richiesta la prenotazione.

Il 23, alle 17, ricominceranno i consueti appuntamenti del gruppo di lettura “Se un pomeriggio di mercoledì un lettore…”. Gli incontri sono aperti a chiunque desideri partecipare.

Il 26, ore 10.30, sempre per i bambini, questa volta dai 5 ai 10 anni, ci sarà il laboratorio – curato da “Pane Arte e Marmellata” – “Giardini delle meraviglie. Flap, flap… zzzzz”, sul risveglio della natura, che ogni anno si ripete con magnifiche sorprese. Utilizzando lana, rametti, cotone, foglie i partecipanti potranno costruire insieme un bozzolo per accogliere un insetto. Il piccolo nido verrà poi trasformato poi in una spilla che porterà i ragazzi in volo con la fantasia. Anche in questo caso è necessario prenotare.

Mercoledì 30, alle 18, sarà presentato “Dante à la carte” per ricordare i 750 anni dalla nascita del sommo poeta. L’iniziativa, veramente originale, verrà condotta dal professor Carlo Marchesi, che in passato è stato molto apprezzato in biblioteca per i suoi cicli di letture sui classici. «Non si vive di solo pane – dice il professore – e nell’anno dell’Expo, dedicata alla nutrizione, desidero proporre al pubblico la ‘Divina Commedia’ in un menu di assaggi recitati. Antipasti, primi e secondi saranno passi più o meno conosciuti, tre per ogni genere, secondo il numero strutturale e simbolico dell’opera dantesca. I presenti potranno segnare le proprie preferenze su una scheda che verrà loro consegnata: i ‘piatti’ più richiesti saranno serviti in forma di commento introduttivo e successiva recitazione».

Chiesa Rossa: i misteri delle “Ultime Cene”

Dal primo al 30 settembre sarà esposta la collettiva di fotografia “Sguardi sul Parco Agricolo Sud di Milano”, curata da “Archivio Fotografico Italiano”. Con icastiche immagini a colori e in bianco e nero, gli autori ritraggono vecchie cascine, terreni coltivati e altri scorci suggestivi di quest’area rurale ai confini della città.

Il 17 e il 18, alle 21, si terrà la manifestazione “A tavola col Gesù degli artisti”: due serate dedicate a illustrare – con l’ausilio di proiezioni – sorprese e misteri racchiusi nelle tavole imbandite delle “Ultime Cene”, dipinte da autori come Leonardo, il Tintoretto, Paolo Veronese, Gaudenzio Ferrari, Giovanni di Francia, il Tiepolo… L’iniziativa, in collaborazione con “Clickutility”, è a cura del professor Luigi Ballerini – poeta, saggista e traduttore – che ha insegnato nelle università di New York e di Los Angeles. «Nel Quattrocento – spiega il professore – le nozioni di piacere e di felicità sono indice di un rinnovato interesse dell’uomo per i doni e le meraviglie che il Creatore gli ha messo a disposizione. Il piacere della tavola viene coniugato con l’idea della salute: i pittori s’impadroniscono del tema e lo trasportano perfino in opere in cui il cibo aveva avuto, prima di loro, una valenza esclusivamente simbolica. Ciò è particolarmente visibile nelle “Ultime Cene”. Da allora la gola è diventata palato».

Sabato 19, alle 16, i bambini dai 4 ai 9 anni si rallegreranno ascoltando “Storie per ridere, storie per sognare, storie per immaginare… ma anche da mangiare”, a cura del gruppo “I Mangiafavole”. «L’incontenibile entusiasmo per i libri e la voglia di prestare voce e corpo a racconti, filastrocche e poesie contraddistingue la nostra associazione – dice Daniela Giannoccaro, dei “Mangiafavole”. – Promuovere la lettura ad alta voce è il nostro obiettivo e ci divertiamo come i bambini che vengono numerosi ad ascoltarci con i loro genitori. Questa volta leggeremo storie molto divertenti che per restare in tema di Expo avranno come tema dominante il cibo».

Spesso una buona giornata inizia con un dolce cappuccino. Ma come si prepara ad arte questa deliziosa bevanda che tutti conosciamo? Martedì 29, alle 21, lo spiegherà in biblioteca la biologa nutrizionista Rita Leone, presentando il suo libro “Un cappuccino, grazie!”, in cui racconta la storia e svela i segreti dell’invitante e cremoso latte caldo al caffè.

Sabato 19, dalle 10.30 fino alle 24, nel parco Chiesa Rossa, una serie di iniziative pubbliche all’insegna dello slogan “Parco Chiesa rossa bene comune”. Conferenze, letture di poesie, laboratori di acquiloni e origami e per finire, dalle 21, osservazioni guidate della volta celeste (info programma su www.symbiotica.it).

Giovedì primo ottobre, alle 21, il professor Carlo Marchesi proporrà anche in questa biblioteca “Dante à la carte”, l’interessante iniziativa di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente.

Lettura teatrale alla Sant’Ambrogio

Dopo la pausa estiva, riprendono giovedì 24, alle 17.30, le riunioni del gruppo di lettura. I partecipanti si ritrovano ogni mese per parlare di libri e aspettano sempre nuovi amici disposti a entrare nel “Club… degli incorreggibili lettori”.

Il 26, ore 11, sarà presentata “Alla salute del pianeta! Ballata per un albero”, una lettura recitata da Chiara Magri e Swewa Schneider, della compagnia “Teatro del Vento”. L’incontro, per bambini dai 6 ai 9 anni, vuol celebrare lo splendore delle stagioni, con accompagnamento musicale e canti popolari. La narrazione è tratta dal romanzo “Bandiera”, scritto da Mario Lodi con i suoi allievi della scuola elementare di Vho di Piadena, trent’anni fa.

«È la storia di un ciliegio – spiega l’attrice Chiara Magri – delle sue foglie, delle sue sensibili radici, dei suoi fiori effimeri, e noi la raccontiamo con le stesse parole dell’autore. Il libro di Mario Lodi, a sfondo ecologico, rappresenta metaforicamente la vita che passa. Mescolando toni poetici con situazioni buffe e divertenti, lo scrittore commuove piccoli e adulti e aiuta a capire il moto perpetuo dei cicli naturali, che l’uomo spesso ignora con il suo modo distaccato di vivere il tempo. Questa lettura teatrale, nata dalla nostra collaborazione con l’ “Orto Botanico Lorenzo Rota” di Bergamo, regala agli spettatori cinquanta minuti di poesia e di forte coinvolgimento emotivo, tra risate e meraviglia, tra sorpresa e riflessione».

Sabato 3 ottobre, alle 16.30, per festeggiare i nonni, che potranno partecipare con i loro nipoti, si terrà l’iniziativa “Pasta fresca, che passione!”, a cura dell’associazione “Bambini in cucina” (prenotazione obbligatoria).

Fabrizio Ternelli

Laureata in Comunicazione politica e sociale, blogger e fotografa d’assalto, aggredisce la cronaca spregiudicatamente e l’html senza alcuna reverenza (e il sito talvolta ne risente), ma con la redazione è uno zuccherino. La sua passione è il popolo.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO