Business model, cos’è e vantaggi per le PMI

Hai un’idea di business e vuoi farla conoscere, vuoi rilanciare la tua PMI o vuoi presentarla ad un investitore o un fondo? Hai assolutamente bisogno di un Business Model: ecco i vantaggi e tutto quello

business model PMI vantaggi

Hai un’idea di business e vuoi farla conoscere, vuoi rilanciare la tua PMI o vuoi presentarla ad un investitore o un fondo? Hai assolutamente bisogno di un Business Model: ecco i vantaggi e tutto quello che ti serve per redigerlo.

Il business model descrive il modo in cui una PMI guadagna ed ottiene profitti. Schematizza le logiche che stanno dietro il valore di un’azienda, ovvero quella strategia che l’imprenditore elabora per realizzare profitto fornendo valore ai propri clienti.

Secondo la definizione classica il business model “descrive la logica con la quale un’organizzazione crea, distribuisce e cattura valore”. Questa è la definizione di Alexander Osterwalder, ideatore del Business Model Canvas, modello strategico usato per la creazione e lo sviluppo di business model. Si tratta di un template visuale che mostra l’infrastruttura, i prodotti, i clienti, i fornitori ed altri elementi che contraddistinguono una PMI.

A cosa serve?

Ogni azienda dovrebbe avere un modello di business, in quanto aiuta a sviluppare l’idea di partenza e a farla crescere, ad acquisire nuovi clienti, a trovare il personale. Il business model serve a studiare una strategia aziendale, utile per differenziare il proprio business sul mercato, ottimizzare i processi, non perdere i propri clienti e a raggiungerne di nuovi.

Quindi serve innanzitutto a chiarire la propria idea di business, che verrà poi messa per iscritto ed analizzata minuziosamente, in modo da valutare nel dettaglio la sostenibilità del progetto.

Può essere utile aggiornare il proprio business model anche al sopraggiungere per esempio di nuovi competitor, nuovi bisogni dei propri clienti o quando i margini di guadagno del proprio prodotto o servizio cominciano drasticamente a diminuire.

Gli elementi principali di un business model

Prima di redigere il business plan, è necessario costruire e mettere per iscritto il proprio business model.

Ecco i suoi elementi essenziali:

Differenziare il tuo prodotto

Devi offrire un prodotto o servizio diverso rispetto ai tuoi competitor. Affidati ad esperti che possano offrirti strategie di posizionamento sul mercato atte a far risaltare e comunicare in maniera semplice e comprensibile le caratteristiche del tuo prodotto o servizio.

Raggiungere i clienti

Una cosa è conoscere il tuo target potenziale, altra e più difficile è raggiungerlo: alcuni mezzi saranno internet, le e-mail e i social.

Il prezzo

Dare un prezzo al tuo prodotto o servizio non è semplice. Studia bene i competitor, tenendo presente il bisogno dei consumatori. Il prezzo deve essere competitivo in modo da persuadere i tuoi clienti a comprare il tuo prodotto o servizio perché ne hanno bisogno, e perché conveniente rispetto al mercato.

L’assistenza

Dovrai essere pronto a fornire servizi di customer care per andare in contro ai possibili ritardi di spedizione, difetti del prodotto o rimborsi. Molto utile sarà la presenza di Linee guida, Faq e Tutorial da inserire nel tuo sito web. Mai come in questi anni è diventato indispensabile avere un’attenzione particolare al cliente: da questo dipende il successo o fallimento della tua azienda.

Distribuzione

Se il tuo business riguarda un prodotto fisico, devi progettarlo in base anche a come dovrà essere impacchettato e quali canali utilizzerai per distribuirlo. Se è un servizio, invece, dovrai avere chiare le logiche, nonché le modalità di pagamento più fluide da adottare.

Assicura di rendere felice il tuo cliente

Il successo o il fallimento di un’attività dipendono dal fatto che tu riesca ad aiutare i tuoi clienti a realizzare i propri obiettivi. I consumatori felici diventeranno i tuoi migliori venditori e continueranno a comprare sempre di più da te.

Come scrivere un modello di business

Uno dei metodi più utilizzati per ideare un business model è quello Canvas: una tecnica visuale e organizzativa, molto usata nella programmazione, creata da Alexander Osterwalder per la sua tesi di laurea, poi divenuto un libro. Il suo metodo si articola in 9 aspetti divisi in 2 parti: nel lato sinistro i costi e nel lato destro i ricavi. È un tableau vuoto in cui inserire le proprie idee a seconda di questi criteri.

Business model: vantaggi per le PMI

Nel business model puoi capire come differenziare la tua attività, per creare e diversificare le strategie future, in modo semplice, dinamico, intuitivo e innovativo. Facilita anche la creazione di nuovi modelli di business, di valore e la loro implementazione. Il canvas, per esempio, ti permette di visualizzare come si passa dall’idea alla realizzazione ed è molto veloce.

È consigliabile crearlo e strutturarlo non da soli, ma con i founder e lo staff, in modo da coinvolgere il personale creando coesione e contributi alla propria cultura aziendale.

E tu, hai mai redatto un business model per la tua PMI e ne conoscevi i vantaggi?

In collaborazione con inCOWORK

Catanese di nascita e Milanese d'adozione, ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione il giorno del mio compleanno. Social media lover con una passione sfrenata per la musica di De André e i fumetti di Andrea Pazienza. Amo la Sicilia, il mare e il sole.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO