Cartabellotta: serve una strategia diversa, con misure più rigorose. Come possiamo tutelarci al meglio

Secondo Nino Cartabellotta , fondatore  presidente di Gimbe, «Il Dpcm del 3 novembre con il sistema dei colori assegnati alle Regioni è arrivato troppo tardi. Ha abbassato le curve di circa il 30%, un effetto moderato

Secondo Nino Cartabellotta , fondatore  presidente di Gimbe«Il Dpcm del 3 novembre con il sistema dei colori assegnati alle Regioni è arrivato troppo tardi. Ha abbassato le curve di circa il 30%, un effetto moderato (e in parte sovrastimato), ma che adesso si è completamente esaurito. Ora serve una strategia diversa, con misure più rigorose soprattutto nel primo trimestre dell’anno, quando la circolazione del virus è massima e la copertura vaccinale minima».
Mentre Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute, chiede un «Lockdown forte, almeno un mese o si mette a rischio la campagna vaccinale», noi cittadini chiediamoci cosa possiamo fare per tutelare noi stessi e il prossimo dal contagio.

Come tutelare noi stessi e il prossimo

In attesa della vaccinazione (in base all’età si potrebbe arrivare a settembre), ognuno di noi può fare qualcosa per tutelarsi e proteggere  il prossimo quando si trova a contatto con altre persone.  La tabella sottostante spiega, molto chiaramente, in quali situazioni avviene il maggior rischio di  trasmissione di Sars-Cov-2 anche da soggetti positivi ma ancora asintomatici. I rischi possono essere più meno gravi, in base alle diverse situazioni in cui ci esponiamo:  in ambienti diversi e per differenti tempi di esposizione, di ventilazione e livelli di affollamento. Tosse e starnuti da parte di persone asintomatiche potrebbero aumentare il rischio di esposizione, precisa la nota a fondo tabella.

Ecco cosa occorre considerare:

👉 Uso mascherina (Ffp2, chirurgiche, home made)
👉 Durata del contatto
👉 Affollamento dell’ambiente
👉 Tipologia dell’ambiente: aperto vs chiuso
👉 Areazione dell’ambiente chiuso
👉 Attività: in silenzio vs parlare vs gridare o cantare
(Traduzione GIMBE, Credits to BMJ)
 

Casi attualmente positivi

Secondo l’elaborazione Gimbe, in data 9 gennaio, dopo 5 settimane dal picco del 22 novembre, il sistema delle Regioni “a colori” ha prodotto effetti moderati. Di conseguenza il numero di casi attualmente positivi, oltre 560.000 e già in risalita, è troppo alto per riprendere tracciamento.

 

Giornalista per caso… dal 1992, per una congenita passione per la fotografia. Dalle foto ai testi il passo è breve: da riviste di viaggio e sportive ai più quotati femminili e quotidiani nazionali sui temi del mondo del lavoro. Ho progettato e gestito newsletter di palestre e centri fitness. Ora faccio parte degli intrepidi inviati di Milanosud.

Recensioni
1 COMMENTO
  • Avatar
    Franco natalini 12 Gennaio 2021

    Condivido che bisogna utilizzati metodi più severi.. io applicherei. Il colore nero.

    Tutti a casa!

SCRIVI UN COMMENTO