Conto alla rovescia per Playground Milano League, c’è tempo fino al 31 maggio per iscriversi

Si è svolta stamattina, 25 maggio, presso lo Store di corso Vittorio Emanuele la conferenza stampa che ha ufficializzato l’entrata di Adidas come principale sponsor della manifestazione Playground Milano League, l’attesissimo campionato di basket 3

playground, Conto alla rovescia per Playground Milano League, c’è tempo fino al 31 maggio per iscriversi

gallinari
Si è svolta stamattina, 25 maggio, presso lo Store di corso Vittorio Emanuele la conferenza stampa che ha ufficializzato l’entrata di Adidas come principale sponsor della manifestazione Playground Milano League, l’attesissimo campionato di basket 3 contro 3 ormai ai blocchi di partenza.

Occhi puntati su Danilo Gallinari (nella foto in alto), il campione italiano in forza alla Nba, che ha confermato la propria presenza all’evento finale della manifestazione, “The Minals” che si svolgerà sabato 7 luglio presso il Campo Robinson di via Rimini. Durante la giornata del 7 si svolgeranno le finali di categoria (da under 14 a senior, maschile e femminile) e l’appassionante sfida di “Pass & Shoot” (passaggio e tiro). Tanto basket ma anche tanto spettacolo con esibizioni di artisti di strada, lo street food Village e il Villaggio dei Partner.

Adidas_1Durante il mese di giugno (si parte sabato 9) si svolgerà la prima fase (Round Robin) che decreterà i campioni di “Divisions”, le quattro ripartizioni in cui è stata suddivisa la città: Nord, Est, Sud, Ovest. Nove i playground cittadini prescelti: per il Municipio 4, Largo Marinai D’Italia; per il Municipio 5, Via Tabacchi; ed infine per il Municipio 6, il Parco La Spezia.

Per chi non avesse ancora provveduto c’è tempo fino a giovedì 31 maggio per iscriversi.

Info e iscrizioni su: www.playgroundmilanoleague.com

 

Marco Gambetti
(25 maggio 2018)

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di darle un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO