Cornaredo, dove si colgono i tulipani

Fino al prossimo weekend saranno bellissimi, forse un po’ diradati perché centinaia di persone hanno cominciato a raccoglierli fin dal 28 marzo. Ma c’è ancora un po’ di tempo per ammirare la novità fiorita a

Immagine 12Fino al prossimo weekend saranno bellissimi, forse un po’ diradati perché centinaia di persone hanno cominciato a raccoglierli fin dal 28 marzo. Ma c’è ancora un po’ di tempo per ammirare la novità fiorita a Cornaredo (a pochi chilometri dall’uscita Settimo Milanese della Tangenziale Ovest): circa 250mila tulipani di oltre 180 varietà differenti, di cui 20mila da esposizione e 230mila da raccolta. A venti chilometri da Milano è aperto il primo giardino italiano di tulipani dove i consumatori possono entrare e cogliere personalmente quelli che preferiscono (tutte le informazioni sul sito www.tulipani-italiani.it).

L’idea è di una coppia di giovani olandesi, Edwin Koeman (40 anni) e Nitsuhe Wolanios (31 anni), soci della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza e Brianza: «Ho voluto fare in Italia quello che ho visto negli Stati Uniti lo scorso anno – spiega Edwin – Così ho deciso di creare un campo ‘u pick’ qui a Milano, e di coltivare i tulipani senza l’utilizzo di antiparassitari». I fiori – spiega la Coldiretti interprovinciale – si trovano all’interno del Parco Agricolo Sud Milano e crescono su un terreno di circa un ettaro, che Edwin è riuscito a preparare grazie alla collaborazione di alcuni agricoltori Coldiretti della zona: «Abbiamo conosciuto Edwin come amico – racconta Donato Redondi, cerealicoltore a Rho – e lo abbiamo aiutato ad arare il terreno e a seminare i bulbi, perché ci è piaciuta l’idea di provare qualcosa di nuovo. Adesso siamo contenti perché vediamo che anche le persone sono felici di questo terreno colorato che mette allegria». Il campo è aperto al pubblico tutti i giorni dalle ore 9 alle 19.30, con prenotazione obbligatoria durante il fine settimana. Una volta raccolto – avverte Coldiretti – questo tipo di fiore dura più a lungo se tenuto lontano dalla luce diretta del sole e messo in un vaso con dell’acqua, che va cambiata ogni tre giorni, e con qualche cubetto di ghiaccio.

Laura Guardini

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO