Dodici grandi artisti per “Here it is: a tribute to Leonard Cohen”

Sono ormai sei anni che Leonard Cohen ci ha lasciato ed ecco arrivare uno straordinario tributo, ricco di splendide interpretazioni delle sue canzoni da parte di grandi artisti. I dodici brani dell’album spaziano dal suo

Sono ormai sei anni che Leonard Cohen ci ha lasciato ed ecco arrivare uno straordinario tributo, ricco di splendide interpretazioni delle sue canzoni da parte di grandi artisti. I dodici brani dell’album spaziano dal suo debutto discografico, Songs of Leonard Cohen (1967) fino al suo ultimo album, You Want It Darker, uscito poco prima della sua morte nel 2016.

Il cast di interpreti è veramente notevole, a partire da Norah Jones che apre il disco con Steer Your Way, a Gregory Porter, dotato di una delle migliori voci degli ultimi anni, con la celebre Suzanne, a uno dei suoi più grandi fan, Peter Gabriel con Here It Is. Da segnalare anche Hallelujah, brano reinterpretato da molti artisti, nella struggente versione di Sarah McLachlan, una bella rilettura di You Want It Darker fatta da Iggy Pop, Famous Blue Raincoat con Nathaniel Rateliff e la bella chiusura di Bill Frisell con una versione strumentale di Bird On The Wire, uno dei brani più amati di Leonard Cohen.

Non è sicuramente il primo tributo al grande artista canadese ma probabilmente è, grazie alle belle interpretazioni, quello meglio riuscito.

Le segnalazioni di Beppe

  • Bonny Light Horseman, Rolling Golden Holy, voto: 7.5
  • Creedence Clearwater Revival, At the Royal Albert Hall, voto: 7.5
  • Charley Crockett, The Man From Waco, voto: 7.5
  • Franco Mussida, Il Pianeta della Musica e il viaggio di Iotu, voto: 7.5
  • Eugenio Finardi, Euphonia, voto: 7
  • Perigeo, One Shot Reunion, voto: 7

 

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO