Emergenza Covid. Da sabato 27 novembre torna l’obbligo di mascherina all’aperto in centro città. Green pass «base» per trasporto pubblico dal 6 dicembre e super green pass

È arrivata oggi, 25 novembre, l'ordinanza urgente del Sindaco Beppe Sala  per reintrodurre  l'obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie aeree all’aperto nel periodo natalizio. L'0rdinanza accoglie l’invito del Prefetto ad adottare nella città

È arrivata oggi, 25 novembre, l’ordinanza urgente del Sindaco Beppe Sala  per reintrodurre  l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie aeree all’aperto nel periodo natalizio. L’0rdinanza accoglie l’invito del Prefetto ad adottare nella città tutte le misure possibili per proteggere le persone dalla possibile diffusione del Coronavirus ed evitare l’intasamento degli ospedali, in particolare dei reparti di rianimazione.

Il provvedimento ha quindi una natura preventiva e cautelativa: il centro città è particolarmente interessato in occasione dei periodi natalizi da eventi, mercatini, attività commerciali il cui svolgimento va tutelato a vantaggio della sicurezza delle famiglie

L’ordinanza

“Da sabato prossimo, 27 novembre, dalle ore 10 alle ore 22, tutti i giorni, sarà obbligatorio indossare la mascherina anche all’aperto, lungo l’asse tra piazza San Babila e piazza Castello”.

Validità dell’obbligo: dal 27 novembre al 31 dicembre. 
L’ordinanza fa riferimento all’attuale stato di emergenza nazionale prolungato fino al 31 dicembre 2021 a causa dell’indice di diffusione del contagio che registra un aumento a livello regionale e nazionale con conseguente incremento dei contagi. 

Le vie interessate dal provvedimento

Piazza Castello, largo Cairoli, via Dante, piazza Cordusio, via Orefici, via e piazza Mercanti, piazza del Duomo, Galleria e corso Vittorio Emanuele II e piazza San Babila.
Le strade sono quelle che si prevede abbiano un costante afflusso di pubblico,  come sempre accade in occasione del periodo natalizio e per questo sarà obbligatorio l’uso della mascherina a prescindere dalla presenza o meno di assembramenti. 

Sanzioni

Sono misure necessarie, ma che non penalizzano nessuno. Perché «la prudenza deve tornare a essere forte» avvisa Beppe Sala. Come concordato con il Prefetto, i controlli delle Forze dell’ordine, in particolare della Polizia locale, saranno ovviamente a campione, ma le multe per chi non rispetta le regole saranno particolarmente  salate.  Tuttavia nei primi giorni le pattuglie inviteranno e informeranno i cittadini del nuovo obbligo che prevede una sanzione amministrativa da 400 a 3000 euro.

Nelle altre aree della città

Fintanto che Milano rimane in zona bianca, all’aperto è obbligatorio avere sempre con sé la mascherina, secondo la normativa nazionale già in vigore dallo scorso 28 giugno. Soprattutto è obbligatorio indossarla in situazioni in cui non può essere garantito il distanziamento interpersonale o vi sono assembramenti o affollamenti, ad esempio  nei mercati rionali o nelle fiere

Le altre misure di sicurezza

L’odierna ordinanza del sindaco di Milano, si affianca al nuovo decreto del Consiglio dei ministri firmato ieri, 24 novembre, che prevede l’introduzione del green pass «rafforzato» e l’obbligo sui mezzi di trasporto pubblici della carta verde «base» e sarà in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio.

Il 6 dicembre entrerà in vigore il super green pass, che sarà rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite e durerà 9 mesi. Il green pass  «rafforzato» permetterà di entrare nei bar e ristoranti al chiuso, cinema, teatri, discoteche e di partecipare a spettacoli, feste e cerimonie pubbliche.

Dal 6 dicembre al 15 gennaio il  green pass «base» (tampone molecolare negativo valido 72 ore o test antigenico valido 48 ore) sarà obbligatorio per utilizzare i mezzi di trasporto pubblici (treni, bus, tram e metrò), per allenarsi in palestre e  negli impianti sportivi, soggiornare in albergo e per accedere sui luoghi di lavoro.

 

 

Giornalista per caso… dal 1992, per una congenita passione per la fotografia. Dalle foto ai testi il passo è breve: da riviste di viaggio e sportive ai più quotati femminili e quotidiani nazionali sui temi del mondo del lavoro. Ho progettato e gestito newsletter di palestre e centri fitness. Ora faccio parte degli intrepidi inviati di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO