Esperimento deserto, ovvero reinterpretare Buzzati seguendone le orme milanesi

Al Pimoff, dal 4 al 13 febbraio, sbarcherà Esperimento deserto, un progetto di Alessio Martinoli, un giovane di Fiesole che, con la collaborazione dell’attrice Laura Brandelloni, ha deciso di intraprendere un tentativo di ricerca artistica

, Esperimento deserto, ovvero reinterpretare Buzzati seguendone le orme milanesi

Alessio-MartinoliAl Pimoff, dal 4 al 13 febbraio, sbarcherà Esperimento deserto, un progetto di Alessio Martinoli, un giovane di Fiesole che, con la collaborazione dell’attrice Laura Brandelloni, ha deciso di intraprendere un tentativo di ricerca artistica partendo dal romanzo che rese famoso Dino Buzzati, Il deserto dei tartari.

Così come il capolavoro letterario pone l’attenzione sull’attesa di una svolta nella vita dell’essere umano,un’attesa che può concludersi non esattamente con ciò che l’individuo spera, Martinoli costruisce la sua opera sul concetto di aspettativa, che nella società moderna produce effetti inibenti in ciascuno di noi. L’obiettivo è aulico: disegnare il futuro grazie alla libertà dell’arte dal mercato e dalla politica. Ed equivale, paradossalmente, a concretizzare impegni parziali e più vicini di quanto immaginiamo. «Drogo, il protagonista de Il deserto dei tartari, attende per tutta la vita di affrontare la propria sfida col destino, una guerra col nemico che non combatterà mai; solo vicino alla morte comprenderà che la sfida è, per lui, morire con orgoglio. È chiaro allora che per giungere alla realizzazione e alla consapevolezza del proprio futuro, occorre emanciparsi dai vincoli che la società impone spingendo le persone aricoprire un determinato ruolo – incalza Alessio, spiegandoci meglio. – Ne consegue che la sfida dell’artista, e dell’essere umano in generale, è nei confronti della vita stessa».

Il progetto artistico di “Esperimento deserto”è concepito come un percorso.
A partire da 4 febbraio la sede del PimOff ospiterà delle prove aperte, che definiranno i contenuti dello spettacolo. Questa fase creativa sarà accompagnata da altre tappe in città, che andranno a consolidare il risultato. È infatti prevista una conferenza-spettacolo alla libreria Verso di corso di Porta Ticinese, il 10, e una passeggiata letteraria, il 12, per ripercorrere la vita di Dino Buzzati ei suoi luoghi, un’occasione per comprendere e reinterpretare lo scrittore. Si partirà alle 19,30 circa dal Cimitero Monumentale, passando per la vie dove ha vissuto, la sede delCorriere della Sera in via Solferino, si andrà alla ricerca di via Saterna, strada inventata dallo scrittore per il suo Poema a fumetti, si terminerà in via Formentini (per partecipare è richiesta la prenotazione: segreteria@pimoff.it – 0254102612. All’iscrizione, seguirà la conferma del percorso).

Buzzati era un artista eclettico, non solo scrittore, ma anche poeta, giornalista, fumettista, pittore, drammaturgo, scenografo… Personaggio adatto a un esperimento di questo tipo, Dino Buzzati ha il ruolo di“collante sociale”: «Avvicina la gente alla lettura, come prima cosa; ha poi avuto la capacità di nobilitare l’arte sotto tanti punti di vista. Prendiamo per esempio le sue cronache del Giro d’Italia: spesso pensiamo allo sport come un’attività seguita da persone di bassa estrazione sociale, eppure il suo modo di trattare lo sport è stato eccezionale, ha saputo elevare una disciplina popolare a un livello più altodi quanto tanti possano pensare», ha continuato Alessio. Quando abbiamo chiacchierato con lui, lo spettacolo al Pimoff non era ancora del tutto definito; l’ideatore di Esperimento deserto ama definirsi indipendente dalle logiche di produzione teatrale, lavora confrontandosi costantemente con la sua collaboratrice Laura Baldinucci, e il risultato dell’esperienza a Milano, a quanto pare, sarà una sorpresa anche per lui. Ma le sensazioni e le aspettative sono senz’altro positive:«È una città ricca di stimoli, magnifica dal punto di vista artistico, non posso che aspettarmi del buono».Esperimento-Deserto
Per info: www.pimoff.it, esperimentodeserto.wordpress.com.

Federica De Melis

Genesi dell’opera

Le riflessioni di Alessio Martinoli (nelle foto) sulle tematiche e la poetica di Dino Buzzati si concretizzano in Esperimento deserto nel 2014, con la realizzazione di un progetto aperto e condiviso: incontri letterari e artistici, proiezioni cinematografiche, spettacoli teatrali, laboratori, una maratona di 14 ore dedicata all’autore, talk show, organizzati in terra toscana, raccolti e raccontati nel blog 

(Febbraio 2016)

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO