I dipendenti di Fastweb piantano mille alberi a Porto di Mare

Aceri, carpini, farnie, frassini, viburni e sanguinelli sono queste alcune delle specie arboree messe a dimora oggi dai dipendenti di Fastweb, sotto la guida di Italia Nostra, nel parco di Porto di Mare. Mille alberi,

Aceri, carpini, farnie, frassini, viburni e sanguinelli sono queste alcune delle specie arboree messe a dimora oggi dai dipendenti di Fastweb, sotto la guida di Italia Nostra, nel parco di Porto di Mare. Mille alberi, che sono la prima tranche di 3mila, che l’azienda di telecomunicazioni di piazza Olivetti pianterà sul territorio comunale.

Il progetto di riqualificazione si inserisce, inoltre, nell’ambito di ForestaMi, iniziativa lanciata dal Politecnico di Milano e promossa dal Comune di Milano e Regione Lombardia, che ha l’obiettivo di piantare 3 milioni di alberi nella città metropolitana entro il 2030. L’iniziativa inoltre rientra in Mosaico Verde, la campagna nazionale per la riqualificazione di aree urbane ed extraurbane e la tutela dei boschi esistenti ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, al quale Fastweb ha aderito impegnandosi concretamente per la messa a dimora di 9mila alberi in zone verdi del territorio nazionale, con l’obiettivo di migliorare non solo la qualità dell’aria ma anche la qualità della vita degli abitanti delle aree interessate.

«C’è una sensibilità collettiva crescente verso le tematiche ambientali e il verde come fattore per migliorare la qualità di vita nelle città – ha dichiarato l’assessora all’Ambiente e Verde del Comune di Milano Elena Grandi -. È necessario mettere in pratica un grande piano di tutela di questi ambienti anche per far fronte ai cambiamenti climatici in atto. Iniziative come questa, che coinvolgono partner privati che decidono di contribuire, insieme a noi, all’incremento del patrimonio verde cittadino, sono fondamentali per promuovere modelli più sostenibili di vita anche nei centri urbani e alla diffusione di una rinnovata cultura ambientale».

Da sinistra a destra, Alessandro Martella, Direttore Commerciale di AzzeroCO2,  Anna Lo Iacono, senior manager of sustainability di Fastweb, ,l’assessora all’Ambiente e Verde del Comune di Milano Elena Grandi, Luisa Toeschi, presidente Italia Nostra-Centro Forestazione Urbana e Gianluca Vargiu di Italia Nostra.

Ha fatto eco all’essessora Grandi Anna Lo Iacono, Senior Manager of Sustainability di Fastweb: «Fastweb è impegnata nella lotta al cambiamento climatico con obiettivi di riduzione delle emissioni approvati da Science Based Target Initiative, con l’obiettivo di diventare Net Zero Carbon entro il 2030. Vogliamo arricchire il capitale naturale di Milano, contribuire all’assorbimento della CO2, al miglioramento della biodiversità e alla riqualificazione del territorio in un’area della città che si trova in prossimità del nostro headquarter, a testimonianza della vicinanza dell’azienda ai territori nei quali operiamo».

Dipendenti di Fastweb nel parco di Porto di Mare.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO