Il 15 gennaio con  Prokof’ev inizia la stagione on demand de laVerdi. Per tutto gennaio registrazione gratuita

Rivoluzione tecnologica de laVerdi. Da inizio mese il sito dell’importante realtà musicale consente di accedere a tutti i contenuti musicali, prodotti finora dagli ensemble di largo Mahler. I contenuti digitali in streaming finora condivisi sui canali social de

Rivoluzione tecnologica de laVerdi. Da inizio mese il sito dell’importante realtà musicale consente di accedere a tutti i contenuti musicali, prodotti finora dagli ensemble di largo Mahler. 

contenuti digitali in streaming finora condivisi sui canali social de laVerdi confluiranno sul nuovo sito, al quale ci si potrà collegare anche per assistere a concerti da camera e sinfonici on demand dal vivo, di settimana in settimana, nonché documentari e molteplici appuntamenti delle rassegne collaterali che da sempre contraddistinguono la variegata e unica offerta musicale de laVerdi. La registrazione per l’accesso a questi contenuti per il mese di gennaio è gratuita.

Per il primo appuntamento della nuova stagione di concerti in streaming il M° Andrey Boreyko (nella foto) condurrà gli spettatori il 15 gennaio alle ore 21 alla scoperta della sua terra, la Russia, attraverso una selezione delle Suite dal balletto Romeo e Giulietta di Sergej Prokof’ev, e Nanie, perla orchestrale di Anatoly Lyadov, che di Prokof’ev fu il maestro di Composizione. 

La stagione sinfonica prosegue il 22 gennaio, sempre alle 21, con un altro classico della grande musica russa: la Sinfonia n. 4 in Fa minore op. 36 di Petr Il’ič Čajkovskij, diretta da Michael Sanderling. Composta tra il 1876 e il 1878, la Quarta Sinfonia di Čajkovskij è uno dei suoi lavori orchestrali maggiormente ispirati al mondo della musica popolare russa, a partire dalla fanfara iniziale, alla struggente melodia del secondo tempo, al frizzantissimo Scherzo pizzicato, fino al concitato e vivacissimo Finale. “L’introduzione contiene il germe di tutta la sinfonia, è il fato, la potenza del destino”. Parola di Pëtr Il’ič Čajkovskij. 

 

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO