Il sindaco risponde all’appello dei cittadini: a breve la copertura provvisoria alla Chiesetta di Sant’Ignazio della Cascina Campazzo

"Appello Chiesetta di Sant’Ignazio della Cascina Campazzo: aveva vinto il Bilancio Partecipativo nel 2015: da allora attende il restauro del tetto ammalorato. E ora piove sull’altare!" Così intitolavamo il nostro articolo il 30 gennaio scorso.  Avevamo

“Appello Chiesetta di Sant’Ignazio della Cascina Campazzo: aveva vinto il Bilancio Partecipativo nel 2015: da allora attende il restauro del tetto ammalorato. E ora piove sull’altare!” Così intitolavamo il nostro articolo il 30 gennaio scorso. 

Avevamo ricevuto un accorato appello da Campo! Università Milano_campagna  e dal Comitato per il Parco Ticinello. E subito abbiamo risposto anche noi pubblicando il messaggio per invitare i cittadini  a fare la loro parte inoltrando un cartolina speciale al Sindaco Beppe Sala. Sono stati tantissimi i cittadini, principalmente ma non solo del territorio sud di Milano, appassionati del Parco Ticinello, delle sue cascine e della sua natura, a inviare la cartolina “Sono il Santo col cuore in mano. Come Milano. Ma mi piove in testa

Ebbene. A due settimane di distanza la risposta del Sindaco, “col cuore in mano, che prevede di accelerare l’intervento di copertura temporanea del tetto. E non è una risposta standard. Infatti fra due giorni, il 17 febbraio, ci sarà il sopralluogo tecnico per decidere il tipo di intervento per la copertura provvisoria  del tetto e la data di realizzazione. Speriamo che la realizzazione completa dell’intervento avvenga prima dell’inizio del prossimo inverno.

Grazie Sindaco da parte di tutti i cittadini per la premura dimostrata verso la gesèta di Sant’Ignazio d’Antiochia.

Grazie a Campo! Università Milano_campagna  e al Comitato per il Parco Ticinello per essere intervenuti “col cuore in mano” con l’appello.

Grazie a tutti i cittadini che hanno fatto la loro parte inoltrando la bellissima cartolina al Sindaco Beppe Sala

Qui la lettera ricevuta via mail dai cittadini che avevano inviato la cartolina.

“Gentile Cittadina/o,

in riferimento alla sua segnalazione relativa alla chiesetta di Sant’Ignazio d’Antiochia, situata nel complesso della Cascina Campazzo, la informiamo che sono previsti alcuni interventi nell’ambito di un progetto più ampio che interessa diverse cascine. Tali interventi sono volti alla sistemazione della copertura, delle murature portanti e al contrasto del fenomeno dell’umidità di risalita, indispensabili per la conservazione dello stabile. 

Il progetto esecutivo di queste opere, contemplate anche nella prima edizione del Bilancio Partecipativo, è già stato redatto ed è in fase di verifica, approvazione e messa a bando per il successivo affidamento all’impresa che realizzerà i lavori.

Nell’attesa, considerata l’attuale ed immediata esigenza di non aggravare la condizione in cui versa la chiesetta, si è deciso di eseguire immediatamente alcune opere provvisorie con una copertura temporanea che eviti possibili crolli e impedisca alle acque meteoriche di penetrare all’interno. Tale copertura sarà rimossa all’avvio dei lavori di cui al progetto sopra citato.

Le opere temporanee verranno eseguite in tempi brevi, a seguito di un sopralluogo tecnico con l’impresa programmato il 17/02/2021. Durante il sopralluogo sarà deciso il tipo di intervento, la sua estensione e la data di realizzazione.

Cordiali saluti.

Unità di Coordinamento Funzioni del Sindaco

Palazzo Marino
Piazza della Scala, 2 – 20121 Milano
www.comune.milano.it

Anche letteratura, arti visive e musica si uniscono col loro contributo per salvare l’Oratorio di Sant’Ignazio d’Antiochia di Cascina Campazzo.
Qui il lavoro di una giovane e originale artista digitale: Duzza Calcaterra.

 

Giornalista per caso… dal 1992, per una congenita passione per la fotografia. Dalle foto ai testi il passo è breve: da riviste di viaggio e sportive ai più quotati femminili e quotidiani nazionali sui temi del mondo del lavoro. Ho progettato e gestito newsletter di palestre e centri fitness. Ora faccio parte degli intrepidi inviati di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO