Il sud Milano rialza il sipario, gli appuntamenti di PimOff, Barrio’s, Pacta, Asteria, Auditorium, Scendi c’è il cinema e Spazio Merini

Teatri e sale concerti, sopravvissuti on line per mesi, tornano in scena, all’aperto e in forme contingentate, ma finalmente vivi. Un’occasione per far ripartire la città e tornare alla normalità. Che non può prescindere dal

Teatri e sale concerti, sopravvissuti on line per mesi, tornano in scena, all’aperto e in forme contingentate, ma finalmente vivi. Un’occasione per far ripartire la città e tornare alla normalità. Che non può prescindere dal teatro e dalla musica.

Ecco per i nostri lettori una parziale rassegna.

Atir Ringhiera torna la “Prima stella della sera”

Dopo “Anfiteatro in Piana”, tenutosi dal 4 al 6 giugno sulla piazza Fabio Chiesa – tre serate con grandi ospiti: dall’architetto Stefano Boeri al cantante Elio, dallo scrittore Gianni Biondillo allo spettacolo dei Kataklò e tanti altri amici dell’Atir – la compagnia ripropone anche quest’anno, dal 28 giugno al 18 luglio, la rassegna teatrale “Prima stella della sera” (nella  foto sopra la rassegna dell’anno scorso). Sarà ancora nel cortile della Chiesa di Santa Maria alla Fonte presso il parco Chiesa Rossa. Come per la prima edizione, ogni sera ci sarà un spettacolo “al buio”, messo in scena da compagnie e attori differenti, che gli spettatori conosceranno solo una volta entrati. Da mercoledì 23 a domenica 27 giugno, presso lo Spazio 89, in via Fratelli Zoia (zona San Siro) si terranno invece i saggi dei laboratori de “Gli spazi del Teatro”, tenuti da Nadia Fulco e dalla coop cooperativa Comunità Progetto.
Info su: www.atirteatroringhiera.it

PimOff, musiche e danze speciali

Il teatro di via Selvanesco riapre la propria sala il 16-17 giugno, con lo spettacolo “Archeologie Future” di Frosini/Timpano, musiche di Lorenzo Danesin (nella foto sopra i tre artisti). Si tratta di un esperimento che interroga lo spazio teatrale e il rapporto tra opera, pubblico e attori, attraverso un ascolto immersivo e per pochi spettatori alla volta (max 20), dove i testi di alcuni lavori della compagnia dialogano con musiche conosciute e nuove, con ambienti sonori, voci e citazioni. Il 30 giugno il teatro porterà in scena “Fauna Futura” di Yotam Peled & The Free Radicals uno spettacolo con cinque danzatrici, che integra danza, teatro e tecniche acrobatiche derivanti dalle discipline circensi, in una performance in cui il corpo si fa paesaggio e va poi a trasformare a sua volta lo spazio in cui interviene. La performance descrive la vita di una comunità tribale femminile post-contemporanea, immaginando un futuro radicato nella convivenza armoniosa con la natura.
Info su: www.pimoff.it

Risveglio di periferia al Barrio’s

Dal 19 al 28 giugno, nell’anfiteatro all’aperto del teatro Barrio’s: incontri, laboratori, arte, teatro e musica con il “Festival Risveglio di periferia”, una rassegna promossa da Teatro Linguaggicreativi, in collaborazione con Teatro Edi Barrio’s gestito dall’Associazione Amici di Edoardo, Compagnia Lumen e Schedìa teatro. Il festival si svolge in quattro momenti: “Giochiamo con il teatro”, ogni sabato e domenica pomeriggio spettacolo per bambini e famiglie con laboratorio, ingresso gratuito; “Note a margine”, tutti i pomeriggi laboratorio teatrale e musicale dedicato agli adolescenti con performance finale; partecipazione gratuita; rassegna “Aperitivo insieme”, un ciclo di incontri pre-spettacolo serale con esponenti della cultura milanese, ingresso gratuito; ”Rassegna delle arti”, per tutte le sere, dalle ore 21,30, spettacoli di teatro, musica, perfomance, poetry slam, ingresso a pagamento. Il 27 giugno, sempre all’interno del Festival Risveglio di periferia, con il progetto Yellow Bus – Odissea, un teatro mobile porterà i propri spettacoli in luoghi inaspettati, tra i quartieri Chiesa Rossa e Barona.
Info su: www.linguaggicreativi.it

Al Giambellino “Scendi c’è il Cinema”

Nei cortili del Giambellino e Lorenteggio, dal 18 giugno al 17 luglio, si terrà la decima edizione di “Scendi c’è il Cinema”, una rassegna di cinema all’aperto gratuita nei cortili delle case popolari e negli spazi aperti pubblici del quartiere organizzata dal Laboratorio di Quartiere Giambellino Lorenteggio. Il programma prevede dieci appuntamenti a tema “periferia” organizzati da abitanti, volontari e operatori del territorio.
Info sulla pagina Facebook

Asteria, nuove produzioni con giovani artisti

Riapre con il “Festival Nuovi sguardi 2021” la bella sala teatrale dell’Asteria. Tre le rappresentazioni in cartellone, di altrettante compagnie under 35 che hanno seguito un percorso di residenza artistica, sotto la guida della regista Paola Bigatto e dell’attore formatore Massimiliano Spallanzani. Si parte l’11 giugno con “Fiume di acqua e fango”, regia di Sara Dho, con Sara Dho e Roberto Dibitonto. Secondo spettacolo il 18 giugno “Victor&Frankenstein” regia di Marco Ciccullo e Cornelia Miceli, con Marco Ciccullo, Enrico Ravano, Edoardo Riva. Chiude la rassegna il 24 giugno “Tereskova Countdown” regia di Lisa Capaccioli, con Lorenza Fantoni (nella foto sopra una scena dello spettacolo). I tre spettacoli, tutti di nuova produzione, seguono l’impostazione dell’Eludrama, cioè interrogano con le domande dell’oggi eventi, testi o pensieri del passato alla ricerca di un confronto consapevole e serrato con le grandi tematiche etiche, ambientali, filosofiche. Gli spettacoli iniziano alle ore 20 e sono preceduti da un brindisi di benvenuto.
Info su: www.centroasteria.it

Pacta “La sorpresa dell’amore”

Nel cortile all’aperto del Pacta Salone di via Ulisse Dini 7 dall’1 all’11 luglio va in scena la nuova produzione de “La sorpresa dell’amore” di Pierre Carlet de Chamblain de Marivaux, regia di Paolo Bignamini, traduzione di Paola Ranzini. In scena Federica D’Angelo, Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Annig Raimondi, Antonio Rosti. Produzione Pacta dei Teatri / CTB – Centro Teatrale Bresciano. La trama dell’opera, scritta da uno dei maggiori commediografi francesi del XVIII secolo, racconta la storia di due nobili, delusi dalle rispettive vicende amorose, che si incontrano per far sposare i servitori, e che pur giurando di non innamorarsi, cedono ai sentimenti, anche grazie alla complicità dei valletti Arlecchino e Colombina.
Info su: www.pacta.org

Auditorium di Milano, ecco “Dal vivo!”

Dopo oltre un anno di concerti in streaming su una piattaforma dedicata, l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi ha riaperto il 19 maggio scorso la propria sala concerti al pubblico, con la prima di Beethoven e il concerto per pianoforte n. 23 di Mozart. La stagione, emblematicamente chiamata “Dal Vivo” si concluderà il 14 e 15 luglio, all’Arcimboldi, con la Nona di Beethoven, diretta di Krzysztof Urbaski. In mezzo un cartellone ricchissimo, che ogni mercoledì e giovedì alle ore 19.30 vedrà alternarsi nella sala dell’auditorium giovani interpreti, come i direttori Alpesh Chauhan e Thomas Guggeis, la soprano Vittoriana De Amicis, i pianisti fratelli Jussen (nella foto sopra) e Andrea Bacchetti, il violinista e direttore d’orchestra Kolja Blacher. Sui leggii dei maestri le opere di Mozart, Brahms, ajkovskij, Schubert, MendelssohnBartholdy, ma anche Campogrande, Poulenc e Coplan.
Info su: www.laverdi.org

A Spazio Merini “Le voci dentro”

Il reading “Le voci di dentro” (in scena il 12 giugno alle ore 20 allo Spazio Alda Merini di via Magolfa 30) è un progetto artistico nato durante il lockdown a cura della regista e drammaturga Donatella Massimilla in collaborazione con Elena Pilan, attrice-autrice reclusa prima a San Vittore e poi trasferita nel carcere di Bollate, la quale sarà presente la sera del 12 giugno allo ‘Spazio Alda Merini’, in giardino, come interprete dei suoi stessi versi. Un dialogo trasformato in una performance-installazione, fatta di testi, immagini, visioni e scritti che vedono anche la presenza dell’attrice e cantante Gilberta Crispino e del fisarmonicista Gianpietro Marazza, da sempre artisti anima del Cetec.
Info su: www.spazioaldamerini.com

 

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO