In Alta Valtellina per osservare i cervi in amore

Non è proprio vicinissimo a Milano: bisogna arrivare in Alta Valtellina. Però quella proposta dal Parco dello Stelvio è un’avventura davvero indimenticabile per tutti, grandi e bambini: un trekking tra fine estate e inizio autunno

Non è proprio vicinissimo a Milano: bisogna arrivare in Alta Valtellina. Però quella proposta dal Parco dello Stelvio è un’avventura davvero indimenticabile per tutti, grandi e bambini: un trekking tra fine estate e inizio autunno per sentire il bramito del cervo.

È il richiamo che il maschio – un animale maestoso: arriva anche a 250 kg di peso, mentre il palco ha da tre a sei ramificazioni – lancia alla femmina in questa stagione, quella dell’amore. «Durante tutto l’anno i cervi maschi vivono tra di loro, in piccoli gruppi, fino all’arrivo dell’autunno quando spontaneamente si allontano l’uno dall’altro per poi ritrovarsi e sfidarsi a suon di bramiti – spiegano gli esperti del Parco –. Il cervo che con il proprio verso riesce a intimorire maggiormente i suoi sfidanti ha la possibilità di rivendicare la priorità sulla scelta delle femmine rispetto agli altri pretendenti. Nel caso in cui il bramito non dovesse bastare nello spaventare il rivale, i contendenti sono pronti a “incrociare” i loro palchi spingendosi con forza nel tentativo di far cedere il rivale».

Queste emozionanti escursioni in giornata (partenza ore 9), accompagnati dalla guida di media montagna Igor Gricis (www.igor-gricis.com)il 17, 18 e 24 settembre sono proposte in Val Zebrù, il 25 settembre e il 2 ottobre in Valle dei Forni.

Informazioni e prenotazioni sul sito della guida Gricis o telefonando al Centro Visite S. Antonio Valfurva (tel. 0342 945074), punto di partenza delle escursioni. Infine, i prezzi – adulti e ragazzi oltre i 14 anni: 15 euro; bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni: 8 euro; bambini minori di 6 anni: gratuito; speciale famiglia (genitore/genitori + figli): 30 euro.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO