In mostra fino ad aprile la rassegna “I Talenti delle Donne”

Dopo il lungo lockdown da Covid-19, i musei hanno riaperto le porte, naturalmente con regole dettate dall’emergenza contagio. Molti progetti del Comune di Milano sono stati riprogrammati, così come il palinsesto “I Talenti delle Donne”,

Dopo il lungo lockdown da Covid-19, i musei hanno riaperto le porte, naturalmente con regole dettate dall’emergenza contagio. Molti progetti del Comune di Milano sono stati riprogrammati, così come il palinsesto “I Talenti delle Donne”, che fino all’aprile 2021 continuerà a proporre mostre, spettacoli e incontri dedicati al mondo della creatività femminile. 

A Palazzo Reale la mostra fotografica Prima, donna dedicata al lavoro e alla vita della pioniera fotogiornalista Margaret Bourke-White (dal 25 settembre – vedi anche sotto il link alla recensione dedicata); all’Acquario Civico (Una vita da scienziata (nella foto Luisa Torsi, chimica), esposizione dei ritratti di cento tra le più grandi scienziate italiane (fino al 1° novembre) ideata e curata da Fondazione Bracco; la retrospettiva Carla Accardi, dal titolo Contesti, curata dal Museo del Novecento (fino a giugno 2021); e la mostra Divine e avanguardie. Le donne nell’arte russa, frutto di una collaborazione esclusiva con il Museo di Stato russo di San Pietroburgo, ancora a Palazzo Reale (dal 28 ottobre).  

il PAC propone una nuova edizione di Ri-scatti, progetto di riscatto sociale attraverso la fotografia che quest’anno vede protagoniste sette vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale che hanno fotografato la propria realtà (16-25 ottobre). Per tornare poi (da marzo) a rappresentare la creatività femminile con un’esposizione dedicata all’artista italiana Luisa Lambri, che ha esplorato l’architettura modernista attraverso la fotografia. 

I Talenti delle Donne tornano ad essere protagonisti a Palazzo Reale (dal 3 dicembre) con Le signore del Barocco, mostra dedicata alle grandi artiste del Seicento e anche ad altre meno conosciute al grande pubblico; al MUDEC (sempre dal 3 dicembre) con l’esposizione Io sono/I am di Luisa Menazzi Moretti, che attraverso venti ritratti fotografici racconta la storia di venti rifugiati giunti in Italia e provenienti da sedici nazioni diverse; al MUDEC Photo, nei cui spazi (dal 19 gennaio) gli scatti di Tina Modotti evocano il senso della triade contenuta nel sottotitolo della mostra: Donne, Messico e Libertà.

L’ingresso alle mostre sarà contingentato, nel rispetto delle normative anti-Covid, la prenotazione è consigliata. 

Fotografia al femminile, due mostre da non perdere

L’arte femminile nei nostri musei: parla Anna Maria Montaldo, direttrice del Polo museale del Comune di Milano

 

Responsabile rubrica Psicologia su donneinsalute.it; da free lance ha collaborato con le maggiori riviste femminili (Anna, Donna Moderna, La Repubblica delle donne, Glamour, Club 3). È stata redattore del mensile Vitality di Psychologies magazine e Cosmopolitan, occupandosi di attualità, cultura, psicologia. Ha pubblicato le raccolte di poesie “Come un taglio nel paesaggio” (Genesi editore, 2014) “Sia pure il tempo di un istante” (Neos edizioni, 2010).

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO