La guerra di Ugo (e del Luis)

Due storie separate ma unite da una unica esperienza di vita, la guerra in Russia. L’attenzione è rivolta principalmente a due persone che l’autore ha avuto occasione di incontrare a distanza di moltissimi

Due storie separate ma unite da una unica esperienza di vita, la guerra in Russia. L’attenzione è rivolta principalmente a due persone che l’autore ha avuto occasione di incontrare a distanza di moltissimi anni e che gli hanno raccontato la loro vita durante la campagna di Russia. I piccoli eventi quotidiani, le abitudini che si erano instaurate, le amicizie e i legami, la paura e l’incertezza del giorno dopo. Con un filo conduttore, l’autore stesso. Molti anni fa, durante una degenza in un reparto di malati gravi, l’autore si trovò a dover fare i conti con una situazione di estrema precarietà, vedeva i suoi compagni di stanza andarsene uno dopo l’altro e viveva con la terribile consapevolezza che il prossimo avrebbe potuto essere lui. Accanto aveva un alpino, Luis, anch’egli ricoverato, che gli parlò degli anni in guerra. Fu subito chiaro il legame che li univa. La precarietà della vita in guerra si rispecchiava nell’incertezza dell’esito della malattia. L’autore guarì e continuò la sua vita mantenendo vivo nella memoria il racconto del Luis. Molti anni dopo conosce un altro alpino, Ugo. Che gli parla della stessa guerra, della stessa vita, delle stesse esperienze. O meglio delle proprie esperienze nella medesima situazione storica e nello stesso luogo dei fatti. Ed ecco che nasce l’idea del libro per comunicare un importante messaggio. La guerra e la malattia, due esperienze tanto diverse e tanto simili, che si compenetrano e diventano una cosa sola. Perché la malattia è la guerra dell’organismo contro il suo male e la guerra è la malattia dei popoli. La guerra e la malattia viste nell’ottica della precarietà che, a chi è pronto per capire, possono insegnare il valore della vita.

Nadia Mondi

Claudio Villani
La guerra di Ugo (e del Luis)
Pagg. 115
Con CD 16 euro – Senza CD 12,50 euro
Editore La Vita Felice (il libro si può acquistare scrivendo a: kidouin1@hotmail.it)

Elisa Paci, 24 anni, laureata in Comunicazione e Società (Scienze Politiche), blogger e fotografa, ha uno spirito internazionalista, che la porta a viaggare a Milano e nel mondo, in aiuto di chi non ce la fa, siano persone, interi popoli o piccole redazioni digitali. Per lei il reaggae è il massimo.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO