La Tosca sbarca all’Oklahoma per la Prima diffusa e fa il tutto esaurito

Chi l’avrebbe mai detto: la zona 5 scopre di avere un’anima melomane e affolla il salone dell’Oklahoma per la Prima diffusa di Tosca, organizzata dalla Comunità di via Baroni, insieme al nostro giornale.Oltre 100 persone

, La Tosca sbarca all’Oklahoma per la Prima diffusa e fa il tutto esaurito

Chi l’avrebbe mai detto: la zona 5 scopre di avere un’anima melomane e affolla il salone dell’Oklahoma per la Prima diffusa di Tosca, organizzata dalla Comunità di via Baroni, insieme al nostro giornale.

Oltre 100 persone hanno applaudito a scena aperta l’Inno di Mameli, il presidente Mattarella e, naturalmente, le aree più famose, da “Recondita armonia” a “E lucevan le stelle”, hanno fremuto per Tosca, odiato il perfido Scarpia, goduto della musica straordinaria di Giacomo Puccini, ammirato gli splendidi interpreti.

Fondamentale e molto apprezzata l’introduzione all’opera fatta da Lisa Gallotta, musicista e insegnante dell’Accademia della Scala, che ha illustrato la trama, il profilo dei personaggi e le pagine musicali più belle e importanti.

Così come apprezzatissimo è stato il risotto al radicchio, la polenta con salame e il panettone finale, con spumante offerti e preparati  dalla Cucina di Albert e dai volontari di Milanosud.

Una serata di convivialità e cultura indimenticabile, che ha soddisfatto tutti. Ora, prossimo appuntamento, la Prima diffusa del 2020, con l’Otello di Verdi.

(Foto gentilmente concesse da Roberta Ranalli)

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di darle un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO