L’assessore Balducci in Zona 5 per parlare di Urbanistica, questi i temi affrontati

Esordio dell'assessore all'Urbanistica Alessandro Balducci in Consiglio di Zona 5, per un incontro con la Commissione Urbanistica presieduta da Daniele Gilera. Mercoledì 19 gennaio, in una sala gremita, l'assessore ha provato a rispondere alle numerose

balducciEsordio dell’assessore all’Urbanistica Alessandro Balducci in Consiglio di Zona 5, per un incontro con la Commissione Urbanistica presieduta da Daniele Gilera. Mercoledì 19 gennaio, in una sala gremita, l’assessore ha provato a rispondere alle numerose questioni aperte, che riguardano la zona 5. Diciamo subito che l’assessore ha conquistato la platea.  Partendo dal presupposto che «nella nuova economia della conoscenza – e Milano ne è il centro in Italia – l’attrattività e la bellezza di una città sono un elemento decisivo per lo sviluppo», con calma e con un eloquio accademico – Balducci è Professore ordinario di Pianificazione e Politiche Urbane al Politecnico – ha risposto a molte domande in merito a questioni importantissime per la zona. Su altre invece, come sul parcheggio di piazza Abbiategrasso o la viabilità della Cormet, il bocciodromo o la scuola media Pellico di proprietà di Paribas da tempo abbandonati, ha ammesso candidamente di non conoscerle, promettendo però di informarsi e poi riferire al presidente Gilera.

Durante l’incontro l’assessore, a seguito di una domanda di una cittadina su un’area di viale Tibaldi a suo dire degradata, ha inoltre invitato i cittadini a segnalare al Comune gli immobili abbandonati, impegnandosi a contattare le proprietà per sollecitarne almeno il controllo e la manutenzione. Sempre in un’ottica di condivisione delle scelte, ha annunciato il prossimo varo da parte della Giunta di una delibera per favorire la partecipazione dei cittadini allo sviluppo e rigenerazione della città «stiamo pensando di introdurre incentivi per gli operatori che sottopongono i loro progetti a un percorso partecipativo».

Bloccato sul nascere dal presidente Ugliano invece l’annuncio della sorte di Ripamonti 88, la start up che dovrà sorgere sull’area dove si trovava la ex Pirelli, demolita oltre due anni fa. Nelle prossime settimane sarà convocata una conferenza stampa, in cui l’assessore Cristina Tajani illustrerà progetto e tempi di attuazione. È stato anticipato che la struttura ospiterà aziende che operano nella settore della mobilità sostenibile, del risparmio energetico e dell’innovazione sociale.

Riguardo le altre questioni, più specificatamente urbanistiche, queste le risposte dell’assessore.

Ticinello

Prosegue il completamento del parco Ticinello. Le aree d’oro, quelle del secondo lotto del parco, recentemente acquisite attraverso l’accordo con la proprietà, sono state consegnate al Dam che le custodirà fino all’estate. Di questi 100 ettari una parte sarà data, attraverso un bando, a nuove aziende agricole innovative. «Le risorse risparmiate per l’esproprio di queste aree le utilizzeremo per la sistemazione del secondo lotto del parco. La prima parte degli interventi di sistemazione del primo lotto con percorsi, riforestazione e punti di sosta sono ormai prossimi alla conclusione, mentre per la seconda fase degli interventi il bando è previsto per l’estate e i lavori in autunno».

Zona Porta Romana- Ripamonti
L’assessore ha reso noto che A2a intende concentrare tutti i suoi uffici in piazza Trento, presumibilmente accanto all’edificio di proprietà quindi ne sorgeranno altri. Sempre in zona l’Ifom, istituto di ricerca di via Adamello, ha chieso di poter ampliare i propri spazi di via Adamello. Intanto, sempre tra via Adamello e via Gargano, cresce Symbiosis, l’intervento progettato dallo studio Citterio & partners, per la costruzione di una smart city sostenibile, per aziende ad alto contenuto tecnologico. Tutte notizie che l’Amministrazione considera buone, poiché contribuiscono a valorizzare l’area.

Ampliamento Bocconi
L’Amministrazione sta valutando la possibilità di scoperchiare la Vettabbia lungo la via Castelbarco. Il problema da risolvere è come rinforzare la carreggiata per consentire il passaggio dei mezzi pesanti, poiché la strada è inserita nel piano della viabilità come strada di grande scorrimento. Da definire ancora anche quale sarà la sorte dell’area attualmente occupata dalla polisportiva Bocconi, che nulla c’entra con l’università, che si trova di fronte al parco Ravizza e lungo o la via omonima. Si parla di realizzare in questo spazio una scuola materna per i dipendenti dell’università e la zona o spostare l’ingresso di Pane quotidiano, per risolvere i problemi di viabilità sulla via Toscana. L’assessore ha inoltre spiegato che l’area della ex centrale del Latte dove sorgerà il campus Bocconi. progettato dallo studio giapponese Sanaa, sarà un’area attraversabile e integrata con la città, con strutture sportive di qualità, utilizzabili anche dai cittadini.

Cerba e Ieo

Nessuna novità a proposito della realizzazione del Cerba (Centro Europeo di Ricerca Biomedica Avanzata) progettato ormai diversi decenni fa dal professor Umberto Veronesi. Un intervento che, a causa del fallimento Ligresti e di tutte le questioni giudiziarie sollevate, si sta allontanando sempre più. L’assessore ha fatto anche sapere che lo Ieo ha contatto il Comune per la ricerca di nuove aree edificabili. Respinta la proposta dell’Istituto di utilizzare l’attuale parcheggio, rimane un’area accanto, che però è di proprietà dell’immobiliare Visconti, che non intende cederla. L’Amministrazione sta cercando altre soluzioni, senza consumare le aree agricole del parco Sud, perché ritiene lo sviluppo dello Ieo strategico per la città.

Lottizzazione accanto alla cascina Basmetto
Su quest’area la cooperativa Cmb vanta dei diritti edificatori risalenti agli anni ’80, che l’Amministrazione intende soddisfare. Allo stato attuale si stanno sviluppando contatti con la cooperativa, per evitare che le volumetrie vengano realizzate troppo vicino alla cascina, vista l’opposizione del conduttore e del comitato dei residenti. «Le alternative sono due: o troviamo con la cooperativa proprietaria dell’area un compromesso, per non interferire con le attività agricole o trasferiamo le volumetrie su un’altra area. Su questa seconda ipotesi sono state valutate delle aree alternative, che non hanno trovato però il gradimento della cooperativa. Continueremo a confrontarci con la zona, ma ormai dobbiamo chiudere questa questione».

Uso temporaneo degli scali ferroviari

La bocciatura da parte del Consiglio comunale dell’accordo con le ferrovie per il recupero degli scali ferroviari milanesi non pregiudica il loro uso temporaneo, al fine di evitare condizioni di degrado e abbandono. Le ferrovie sono disposte a trovare un accordo, in particolare per gli scali di Porta Romana e Porta Genova, sul modello di quanto è stato fatto durante Expo, con il Mercato metropolitano e il Tank.

Quartiere Le Terrazze
L’assessore ha spiegato che sono in corso contatti con Unipol per poter proporre condizioni di affitto favorevoli per i negozi di piazza Cantoni, recentemente sistemata, e renderli così disponibili per commercianti e associazioni. Per far rivivere la piazza, il Comune ha inoltre inserito quest’area in un bando per l’insediamento di mercati agricoli a km 0. A febbraio sarà reso noto l’esito del bando.

Parco Vettabbia, Porto di Mare e Chiaravalle
«Da quando mi sono insediato – ha spiegato l’assessore – stiamo lavorando a un progetto di rigenerazione urbana di quell’area e di recupero della corte della cascina S. Nazzaro, da utilizzare poi per funzioni pubbliche. Nelle settimane scorse abbiamo incontrato le associazioni del territorio, a cui abbiamo illustrato il progetto preliminare. Contestualmente abbiamo presentato una richiesta di finanziamento di 2 milioni di euro al ministero del Infrastrutture (Legge Del Rio) e stiamo lavorando per presentare una richiesta di finanziamento alla comunità europea. In quest’ambito l’Amministrazione è intervenuta con alcune azioni di recupero per allontanare gli occupanti abusivi da San Dionigi e dalla Cascina Nosedo».

Stefano Ferri

Foto di Giò D’Apote

(Gennaio 2016)

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO