Lettera aperta ai nostri senatori: “Non meritate di rappresentarci”


Sono Cinzia mamma di un figlio che ha il coraggio di vivere la sua scelta libera. Il vostro esultare in un’aula istituzionale dimostra che non avete rispetto e il vostro applaudire è un applauso che

Sono Cinzia mamma di un figlio che ha il coraggio di vivere la sua scelta libera. Il vostro esultare in un’aula istituzionale dimostra che non avete rispetto e il vostro applaudire è un applauso che vi sotterra agli occhi dei giovani, che a differenza vostra non hanno barriere mentali e culturali, ma rappresentano il nostro presente e il nostro futuro.

Un futuro e un presente di cui voi non fate parte, perché chi crede che lavorare in un Parlamento sia come andare allo stadio e chi ignora la realtà, semplicemente è incapace di ascoltare la società che cambia.

Non meritate di rappresentarci, perché la politica vera è rispetto per chi la pensa diversamente. Non riporterete la nostra Italia nel baratro, non ve lo permetteremo. Non fate giochetti per tornare ai tempi della tensione sociale… Ogni nostro voto sarà molto calibrato, vorremo vedere i vostri curriculum, vorremo capire se siete preparati perché, cari signori, dovete imparare a lavorare a leggere i dati, ad approfondire i dossier e forse non vi siete accorti, le nostre famiglie sono italiane ed europee, permeate di cultura del rispetto per la diversità e voi con il vostro applauso plateale avete offeso la sacralità delle istituzioni, quelle che noi cittadini riteniamo siano importanti e da non svilire.

Il vostro applauso è una ferita aperta nel cuore e nella mente di chi soffre per essere discriminato e non accettato. Ebbene siamo noi che voteremo prossimamente, noi che crediamo nella libertà di pensiero, noi che amiamo i nostri figli e ci vergogniamo che degli adulti che siedono in sedi istituzionali possano comportarsi così, senza stile né decoro nei confronti dei cittadini.

Grazie però, abbiamo compreso che occorre creare nuovi partiti fatti di persone preparate, educate, rispettose e oggi voi avete perso perché quando si trafigge l’anima dei giovani si perde sempre.

Recensioni
1 COMMENTO
  • Avatar
    Ivo 29 Ottobre 2021

    Secondo il nostro ordinamento politico, i Parlamentari rappresentano gli elettori e quindi gli italiani (fatto questo che anche la signora Cinzia dimostra di sapere).
    Chi è causa della propria arroganza pianga se stesdo… si potrebbe dire, parafrasando il detto.
    Gli applausi… vista la tensione, la lotta politica (dx e sx… tutti) per ottenere maggiore visibilità mediatica e il conseguente basso livello etico dei politici NON sono sicuro che se fosse passata la legge, gli “sconfitti” di oggi, NON avrebbero applaudito, ma sarebbero amdati a colmplimentarsi con gli avversari.
    Capire le sconfitte per evitarne di future… nooo?

SCRIVI UN COMMENTO