Letture e testimonianze per il giorno della memoria

Fra Cristoforo: gialli a Milano Mercoledì 17 gennaio, alle 18, proseguirà l’apprezzato ciclo di conferenze “Sfogliando Milano”. I libri gialli che hanno come sfondo la nostra metropoli, fra enigmi e misteri, saranno il tema avvincente di

, Letture e testimonianze per il giorno della memoria

Fra Cristoforo: gialli a Milano
Mercoledì 17 gennaio, alle 18,
proseguirà l’apprezzato ciclo di conferenze “Sfogliando Milano”. I libri gialli che hanno come sfondo la nostra metropoli, fra enigmi e misteri, saranno il tema avvincente di questo incontro. «Milano è sempre più protagonista nei romanzi gialli e noir, dove l’ambientazione è molto curata e ci rende l’immagine di una città a volte poco nota – precisa Laura Soubachakis, conduttrice degli incontri -. Commissari, ispettori, ma non solo, sono i protagonisti che seguiremo nelle indagini, attraverso le pagine di autori più o meno conosciuti ma sempre molto efficaci nelle loro descrizioni. Non mancheranno riferimenti ai romanzi ambientati nella Milano del lontano passato, che ci daranno modo di conoscere e ricostruire una città piena di sorprese e di personaggi davvero interessanti».

Quando di aprono le porteVenerdì 26, alle 18, per il “Giorno della Memoria”, la ricorrenza internazionale celebrata il 27, la professoressa Maristella Maggi presenterà il suo libro “Quando si aprirono le porte”, che racconta le vicissitudini del giovane milanese Venanzio Gibellini rinchiuso a San Vittore, dopo l’8 settembre 1943, e poi trasferito nel campo di concentramento nazista di Flossenbürg, fra Praga e Norimberga. La storia del protagonista, che oggi vive a Bruzzano, offrono una preziosa testimonianza sugli orrori della deportazione. «Sono un’insegnante – dice l’autrice – e l’idea di questo libro è nata proprio dal desiderio di far capire ai ragazzi che quanto è accaduto durante il nazismo è ancora vicino e ricco di insegnamenti oggi. Il testo ha moltissimi spunti di riflessione: la situazione di guerra nel ’43, il cibo estremamente povero, le tessere annonarie e la borsa nera, la strage di piazzale Loreto eccetera. Nel corso dell’incontro, parlerò di Venanzio Gibellini come uomo di pace e del suo straordinario impegno offerto ancora in tante occasioni. Parlerò dei lager e della politica di distruzione della dignità dell’uomo che in essi si perpetrava. Infine parlerò dell’importanza della parola come veicolo di conoscenza, di salvezza e di Memoria». All’iniziativa sarà presenteanche l’attrice Daniela Monico, che leggerà pagine del libro.

Sant’Ambrogio: a scuola di smartphone e tablet
Lunedì 22 gennaio, alle 17.30, si svolgerà la conferenza “2018: nuovi scenari celesti”. L’esperta di astrologia Cristina Corradini prospetterà i cambiamenti planetari del nuovo anno e svelerà le previsioni secondo le stelle per ogni segno zodiacale.
Quanti vorrebbero utilizzare il tablet o lo smartphone, inviare immagini, usare WhatsApp e altro ma non riescono perché non hanno dimestichezza con le nuove tecnologie? Il 29 e il 31 di questo mese e successivamente il 2 febbraio, alle 10, la biblioteca propone a persone di ogni età un corso su questi strumenti informatici, ai quali è ormai difficile rinunciare. Nei tre incontri, suddivisi in una parte teorica e in una pratica, saranno presentate le nozioni fondamentali per l’uso dei due dispositivi e verrà inoltre spiegato come accedere alle risorse digitali del “Sistema Bibliotecario”. L’iniziativa, che rientra nel progetto “Information Literacy”, è a cura dell’associazione “Informatica Solidale”. Per la partecipazione è necessario iscriversi (tel. 0288465814) e portare con sé il proprio tablet o smartphone.

Tibaldi: salute e benessere
Mercoledì 17, alle 20.30, Daniela Monti – medico e psicoterapeuta specializzata in terapia cognitivo-comportamentale, ipnosi e sessuologia – terrà la conferenza “Il corpo parla. Malattia linguaggio dell’anima”. L’esperta inquadrerà gli stati patologici in una prospettiva olistica, nella quale l’organismo viene considerato come unità psicosomatica. Secondo questa concezione, i diversi disturbi sarebbero espressioni di profondi disagi dovuti a disarmonie fra corpo, anima e spirito. Per guarire si renderebbe quindi necessario comprendere queste relazioni e interpretare i messaggi inviati dal corpo mediante le stesse malattie, riflettendo sul possibile significato dei sintomi.

Sabato 20 gennaio, alle 20.30, in occasione del “Giorno della Memoria”, sarà presentato lo spettacolo “Ne avrem da raccontar…”. Il periodo della Resistenza sarà rievocato attraverso canti partigiani e di deportazione, letture, documenti e memorie di uomini e donne dei quartieri Ticinese, Vigentino, Stadera, che lottarono coraggiosamente contro l’oppressione, spesso a costo della vita. L’iniziativa sarà introdotta da Roberto Cenati, presidente dell’Anpi provinciale. Darà voce alle testimonianze “La Compagnia dei Lettori”, un gruppo di amici che si dedica con passione alla lettura ad alta voce. Il “Coro Ingrato” proporrà invece numerosi canti: da quelli anarchici, sociali e popolari, a quelli delle carceri e delle risaie. Lo spettacolo è a cura dell’Anpi e del Municipio 5.
Mercoledì 31, alle 20.30, si svolgerà un altro incontro dedicato alla salute. In questo appuntamento la biologa nutrizionista Melissa Mombrini illustrerà i benefici dei prodotti alimentari a base di canapa, una pianta che molti conoscono, soprattutto per il suo impiego in campo tessile e per la sostanza psicoattiva che contiene. Molto importanti, però, sono anche le sue proprietà nutritive, che la rendono utile, in vari casi, per il controllo del colesterolo e del diabete. Perché allora non provarla in cucina?
Il mercoledì successivo, 7 febbraio, alle 20.30, la dottoressa Mombrini, terrà una seconda conferenza, sempre nell’ambito della nutrizione: “Come scegliere consapevolmente i prodotti più salutari attraverso la lettura delle etichette alimentari”. Un appuntamento da non perdere per imparare a difendersi dalle insidie delle tante proposte che troviamo negli scaffali di negozi e supermercati.

Apre un punto temporaneo di lettura e di prestito in via Boifava

La Biblioteca Chiesa Rossa è chiusa per importanti e complesse opere di adeguamento alle nuove norme antincendio, ma dall’8 gennaio, in attesa che siano completati gli interventi, il Comune ha attivato un punto temporaneo di prestito e di lettura presso la “Riserva Centrale del Sistema Bibliotecario di Milano”, in via Boifava 17, nell’edificio che ospita l’Anagrafe di zona e che era sede della stessa biblioteca, prima che fosse trasferita nella pittoresca e accogliente cascina in cui si trova oggi. La continuità del servizio viene pertanto garantita. Dal lunedì al venerdì, dalle ore 13.30 alle 17, è possibile accedere alle operazioni di iscrizione e di prestito locale e interbibliotecario. Oltre ai libri, sono disponibili giornali, riviste e i dvd della pregevole collezione di “Chiesa Rossa”. Il pubblico potrà così attendere senza troppi disagi la riapertura della biblioteca, informandosi anche sull’andamento dei lavori in corso.

Fabrizio Ternelli

gennaio 2018

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO