“Live From the Ryman and More” l’ultimo disco di Sheryl Crow

La singer-songwriter Sheryl Crow negli ultimi trenta anni ha sempre goduto di una vasta popolarità, forse anche in parte influenzata dal grande successo iniziale avuto, mentre la critica non ha sempre apprezzato le sue pubblicazioni

La singer-songwriter Sheryl Crow negli ultimi trenta anni ha sempre goduto di una vasta popolarità, forse anche in parte influenzata dal grande successo iniziale avuto, mentre la critica non ha sempre apprezzato le sue pubblicazioni discografiche.

Dopo l’ultimo album in studio Trends del 2019, una collezione di duetti con importanti artisti di livello mondiale, Sheryl Crow era partita con un lungo tour promozionale da cui arriva questo doppio cd dal vivo, il quarto, che con 27 brani per oltre 150 minuti di musica è sicuramente il più completo disco live della sua carriera.

L’album è stato registrato in gran parte a Nashville nel tempio della musica country, il Ryman, ma contiene anche brani provenienti da Ace Theatre di Los Angeles e dal Newport Folk Festival. La brava e bella artista del Missouri qui propone una vasta panoramica dei suoi pezzi famosi e meno noti della lunga carriera, supportata da una solida band e con un set di grandi ospiti.

Sheryl Crow attinge a piene mani dal disco di debutto Tuesday Night Music Club con ben sette tracce e addirittura otto pezzi arrivano da Threads con una sfilata di grandi successi da All I Wanna Do, Run Baby Run, My Favourite Mistake e alcuni duetti riproposti con gli stessi artisti come Everything Is Broken con Jason Isbell, Nobody’s Perfect con Emmylou Harris, e una deliziosa versione di Beware Of Darkness di George Harrison con Brandi Carlile. C’è anche spazio anche per una bella rilettura di The First Cut Is The Deepest di Cat Stevens.

Le segnalazioni di Beppe

  • My Morning Jacket, My Morning Jacket, voto: 8
  • The War on Drugs, I Don’t Live Here Anymore, voto: 7.5
  • Murray Mc Lauchlan, Hourglass, voto: 7.5
  • AA.VV., Chieffo Charity Tribute, voto:7.5
  • Davide Van De Sfroos, Maader Folk, voto: 7.5
  • Lorenzo Semprini, 44, voto: 7

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di darle un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO