Milano festeggia l’Opera Cardinal Ferrari, che da 100 anni dona dignità e speranza a chi è in difficoltà

"Nel corso di questo secolo di attività solidale, l'Opera Cardinal Ferrari ha saputo adattarsi alle mutate condizioni sociali, che hanno generato nuove marginalità e nuovi bisogni, senza smarrire lo spirito originario, di carità cristiana e

“Nel corso di questo secolo di attività solidale, l’Opera Cardinal Ferrari ha saputo adattarsi alle mutate condizioni sociali, che hanno generato nuove marginalità e nuovi bisogni, senza smarrire lo spirito originario, di carità cristiana e di solidarietà umana, impresso dal suo fondatore” con queste parole, contenute nel messaggio inviato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sono iniziati mercoledì 12 maggio  i festeggiamenti per i 100 anni dell’Opera Cardinal Ferrari, l’istituzione milanese di via Boeri che da un secolo aiuta chi ha perso tutto, senza distinzioni, dando insieme a un pasto e una doccia, dignità e speranza.

Presenti alle celebrazioni, di persona o da remoto, le principali autorità civili e religiose della città, a conferma del radicamento dell’Opera Cardinal Ferrari. Sono intervenuti la senatrice Liliana Segre, il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, il sindaco Giuseppe Sala, monsignor Luca Bressan, Valeria Negrini (vice presidente Fondazione Cariplo), Ilaria Borletti Buitoni (vice presidente Fai), Diana Bracco (presidente Fondazione Bracco), Giuseppe Frangi (direttore mensile Vita), Paolo Lambruschi (giornalista di Avvenire) e il prefetto Renato Saccone.

Da sinistra il Vescovo Mario Delpini, il professore Pasquale Seddio, presidente dell’Opera Cardinal Ferrari e il sindaco Beppe Sala.

Dichiarazioni

«Mai come in questo momento la messa in opera della solidarietà può fare la differenza – ha detto nel suo messaggio la senatrice Liliana Segre -. Il mio ruolo di senatrice mi spinge, come nella famosa legge dell’attrazione, direttamente verso l’articolo 2 della Costituzione. C’è un luogo che ha preso alla lettera il messaggio di questo articolo, trasformando in azione concrete quei doveri inderogabili di solidarietà, la Casa dei senza casa come è stata chiamata. Cento anni ai servizi degli ultimi – ha concluso la senatrice riferendosi alle persone a cui l’Opera permette di essere meno soli -. E questo sentirsi meno soli, fa sentire meno soli tutti».

Il sindaco Beppe Sala ha invece sottolineato tra gli altri, il tema del lavoro «dovremo trovare delle condizioni per portare il lavoro alle persone più bisognose: vinceremo questa battaglia se riusciremo in qualche formula a portare loro un po’ di lavoro. Questo sarà la nostra vittoria, il tema su cui io chiamerò chi, come voi, fa la sua parte da tanto tempo e quindi ha esperienza e conoscenza di questo mondo che è una parte della nostra città, a dare una mano».

«L’8 settembre 2021 l’Opera Cardinal Ferrari compirà 100 anni dalla sua inaugurazione – ha detto Pasquale Seddio, presidente dell’Opera Cardinal Ferrari -. Un compleanno importante, che vogliamo celebrare dando alla ricorrenza una valenza particolare. Conoscere e capire il passato ma con gli occhi, la mente e il cuore rivolti al futuro. È giusto ricordare con orgoglio la nostra tradizione, perché la storia dell’Opera Cardinal Ferrari coincide con la storia della città di Milano. Tuttavia dobbiamo anche guardare avanti. In questi 100 anni l’Opera Cardinal Ferrari è stata un punto di riferimento e una garanzia di accoglienza, di ascolto e di risposte concrete alle persone più in difficolta. Il loro futuro continua a essere il nostro presente».

Progetti

In vista dell’adozione della nuova veste giuridica di fondazione, l’Opera intende lanciare la costituzione di un “fondo patrimoniale aperto” attraverso la sottoscrizione di quote a esso destinate; dare il via a una nuova campagna di comunicazione per il Centenario; istituire un sistema di borse (a copertura totale o parziale della residenzialità) per giovani studenti universitari meritevoli e per persone ospedalizzate provenienti da fuori regione che arrivano a Milano per curarsi. E, attraverso partnership, avviare o far crescere progetti legati a formule innovative d’imprenditorialità sociale e culturale, il cui scopo è il reinserimento nel mondo del lavoro di persone in difficoltà. E molti altri progetti sono nella fase di studio.

Gruppo di volontari.

Appuntamenti

Per il Centenario la fondazione ha programmato una mostra fotografica in via Dante a Milano dal 13 settembre al 4 ottobre: un percorso all’aperto tra il passato e il presente dell’Opera. Sei fotografi contemporanei hanno fissato le immagini della vita quotidiana all’Opera creando un dialogo con le immagini di archivio. La mostra è curata da Giuseppe Frangi, giornalista di “Vita” e Presidente dell’Associazione Giovanni Testori e i fotografi sono: Marina Alessi, Isabella Balena, Marta Carenzi, Francesco Falciola, Valentina Lai e Giovanni Battista Righetti. Alla mostra e alla storia dell’Opera Cardinal Ferrari verrà dedicato un catalogo edito da Silvana Editoriale.

A partire da settembre sono previsti incontri che affronteranno temi legati alla pandemia. Si parlerà di malessere dei giovani e della necessità di offrire loro nuove opportunità e valorizzare i nuovi talenti. E si porrà l’accento sugli effetti collaterali, come le nuove povertà che si sono moltiplicate negli ultimi mesi, con professionisti di varie categorie che si trovano a vivere in una condizione di povertà del tutto inaspettata e speriamo transitoria. E si analizzerà il modo attraverso il quale la cultura può diventare un potente fattore d’inclusione e coesione. Tra le varie iniziative è inoltre previsto un concerto a favore dell’Opera reso possibile dalla generosa disponibilità dell’Orchestra de “I Pomeriggi Musicali”, che si terrà il 17 dicembre 2021 alla Sala Verdi del Conservatorio di Milano. In quell’occasione verrà consegnato all’Opera il “Premio Grandi Guglie della Grande Milano”, riconosciuto dall’Associazione Grande Milano alle personalità e alle associazioni che si sono distinte per avere valorizzato il tessuto economico scientifico, sociale, artistico e culturale dell’area metropolitana milanese.

Il Cardinale Carlo Andrea Ferrari.

Recensioni
1 COMMENTO
  • Avatar
    Antonino Fontana 14 Maggio 2021

    In merito ai 100 anni dell’opera Cardinal Ferrari (Egidio Trezzi) si comunica che è ancora viva la partecipazione e la voglia di rimanere amici di circa 50 ex studenti che tra il 1997 e il 2003 vivevano li in sintonia e solidarietà con la gente bisognosa. Dal 2016 ad oggi è vivo un gruppo su Wathsapp che oggi si interscambia passioni,hobbies ed esperienze lavorative continuando così a rimanere uniti. Un ex pensionato per studenti che ha lasciato una continua amicizia.

SCRIVI UN COMMENTO