Mostre, performance artistiche, video: 8 iniziative per l’8 marzo

Diverse le iniziative per la Festa della Donna promosse dalle associazioni del sud Milano, con il sostegno Municipio 5 e del Municipio 6.Si inizia giovedì 8 marzo nel Municipio 6. Dalle ore 15 alle ore

festa donnaDiverse le iniziative per la Festa della Donna promosse dalle associazioni del sud Milano, con il sostegno Municipio 5 e del Municipio 6.

Si inizia giovedì 8 marzo nel Municipio 6. Dalle ore 15 alle ore 18, piazzale Donne Partigiane/Barrio’s sarà il palcoscenico di una festa. L’iniziativa organizzata da Intrecci in collaborazione con La Casa delle Donne prevede una performance artistica di fili colorati per unire donne diverse nel condividere e costruire un’opera comune. Le donne presenti,

partecipanti attive, dovranno portare un gomitolo di filo ed essere vestite di nero con un accessorio di colore rosso per onorare le vittime di violenza. Accompagneranno l’esecuzione le giovani artiste della Scuola di Circo di Milano, che con il loro movimento daranno il ritmo al lavoro.

Sempre giovedì 8, alle ore 18, presso il Centro Milano Donna di viale Faenza 29 (ex anagrafe) mostra d’arte “Con Artemisia”, la pittura e la poesia delle donne, in collaborazione con l’Associazione Scrivere Contro la Violenza, Concerto Jazz del trio She Quan, aperitivo e piccolo buffet.

Il Municipio 5 propone alle ore 10, al Pacta di via Dini, lo spettacolo “Le sedie” work in progress teatrale contro la violenza di genere. Ingresso libero fino a esaurimento posti, prenotazione obbligatoria allo 02/36503740 – biglietteria@pacta.org. Infine, sempre giovedì 8 marzo, alle ore 17, in piazza Chiaradia, incontro a chiusura del progetto “Lotta contro la violenza con un libro sospeso”.

Dall’8 all’11 marzo alla Fabbrica del Vapore di
via Procaccini, Libere Sinergie presenta la prima tappa della mostra itinerante “Come eri vestita?”. L’inaugurazione della mostra si terrà alle ore 18 di giovedì 8 marzo e rimarrà aperta fino alle 23. Contestualmente alla mostra, nelle serate di giovedì 8 e venerdì 9 marzo (dalle 21) verrà rappresentata Anti(real)gone, progetto e regia di Laura Tanzi e Mauro Vaccari, mentre sabato sera, sempre dalle 21 alle 23 verrà messa in scena R4 Alice. Durante i 4 giorni della mostra verrà inoltre proiettata uno slideshow delle foto di Carla Cerati e nel corso della manifesta- zione verrà presentato il “Premio Federico Cerati”. Orari della mostra: venerdì e sabato dalle 10 alle 23; domenica dalle 13 alle 19. Per saperne di più, clicca qui).

Venerdì 23 marzo, alle ore 21, presso lo spazio Ex Fornace, in Alzaia Naviglio Pavese 16 “Voci e immagini di ragazze/i del Municipio 6 contro la violenza sulle donne” è questo il titolo dell’iniziativa che si svolgerà. Saranno proiettati video, realizzati da un centro di aggregazione giovanile e due scuole del territorio. Durante la serata, Gianna Coletti, attrice e chitarrista contemporanea, si esibirà con canzoni e monologhi dedicate alle donne. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Associazione Spericolata Quinta.

Sempre venerdì alle ore 21, alle ore 21 presso il Teatro Edi Barrio’s in piazzale Donne Partigiane, si tiene “La colomba e l’elefante”, lettura teatrale-poetica, in collaborazione con Artemysia Teatro, dedicata alla grande artista messicana Frida Kahlo, donna straordinaria, militante politica e compagna dell’artista Diego Rivera. Il racconto biografico sarà accompagnato da musica dal vivo e dalle immagini delle opere pittoriche.

Ultimo appuntamento domenica 18 marzo con gli studenti della III C dell’Istituto Kandinsky e l’associazione Libere Sinergie. Dalle ore 10 alle 12,30 nei giardini di via Montegani gli studenti dell’Istituto di via Baroni decoreranno di rosso le panchine, perché “diventino un segnale di impegno contro la violenza di genere costante e contino tutto l’anno”.

S. F.
(Marzo 2018)

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di darle un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO