Nuova sede di A2A, da rivedere il progetto su piazza Trento e via Crema. L’assessore Maran organizza un incontro pubblico on line il 26 gennaio

La Direzione Urbanistica del Comune e il Municipio 5 hanno bocciato la nuova proposta dei progettisti dello studio Citterio Viel per la riqualificazione di piazza Trento di via Crema e delle arre limitrofe.Secondo quanto scritto

La Direzione Urbanistica del Comune e il Municipio 5 hanno bocciato la nuova proposta dei progettisti dello studio Citterio Viel per la riqualificazione di piazza Trento di via Crema e delle arre limitrofe.

Secondo quanto scritto in un comunicato stampa del presidente del Municipio 5 Alessandro Bramati: “permane una sostanziale differenza tra la qualità e la visione complessiva del progetto relativo al nuovo complesso immobiliare privato e la progettualità delle opere di riqualificazione dello spazio pubblico”. Dubbi avanzati anche sulla zona Ztl prevista su via Crema, l’eliminazione di posti auto e viene chiesto che il progetto venga redatto, una volta reso noto il masterplan della riqualificazione dello scalo Romana, previsto per fine marzo, al fine di raccordare al meglio i due interventi.

Di fatto sulla stessa lunghezza d’onda la Direzione Urbanistica e l’assessore a Urbanistica, Verde e Agricoltura, che ha affermato: «Io credo che rispetto alla proposta di A2A si debba lavorare molto di più e meglio sull’integrazione tra piazza Trento, via Crema e tutta l’area che arriva fino a Porta Romana. Si tratta di vie che sono già oggi tra le più belle della città e possono diventarlo ancora di più, rendendole un simbolo della Milano del prossimo quinquennio. Se vogliamo fare un paragone, per me il quartiere circostante via Crema, con la riqualificazione dello Scalo e di piazza Trento può diventare un nuovo quartiere Isola, cresciuto e migliorato molto in questi anni dopo la riqualificazione di Porta Nuova. A mio parere il progetto deve valorizzare i percorsi pedonali, garantendo alternative di sosta attraverso strutture dedicate in piazza Trento e mantenendo e preservando, il bel tessuto commerciale esistente (l’intervista completa all’assessore sarà pubblicata sull’edizione cartacea di gennaio di Milanosud, in distribuzione da martedì 19 gennaio – NdR)».

Per avviare anche un confronto con i comitati dei cittadini l’assessore sta organizzando un incontro pubblico online per il 26 gennaio.

Giornalista dello scorso millennio, appassionato di politica, cronaca locale e libri, rincorre l’attualità nella titanica impresa di darle un senso e farla conoscere, convinto che senza informazione non c’è democrazia, consapevole che, comunque, il senso alla vita sta quasi tutto nella continua rincorsa. Nonostante questo è il direttore “responsabile”.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO