Ospedale S. Paolo: la Giunta regionale lombarda lo vuole svuotare riducendolo a ospedale di comunità e trasferendo interventi d’urgenza al San Carlo

Il "Comitato Sud Ovest Milano - Cittadini a sostegno della Sanità Pubblica Territoriale" ha inviato a tutti i gruppi del Consiglio regionale e ai Presidenti dei Municipi 5, 6, 7 e a diversi Sindaci dei comuni dell'hinterland

Il “Comitato Sud Ovest Milano – Cittadini a sostegno della Sanità Pubblica Territoriale” ha inviato a tutti i gruppi del Consiglio regionale e ai Presidenti dei Municipi 5, 6, 7 e a diversi Sindaci dei comuni dell’hinterland S-O milanese il comunicato che pubblichiamo interamente.
Il Comitato – che da anni chiede alla Regione Lombardia più medicina di territorio e più prevenzione e riapertura  di un poliambulatorio nel Municipio 5 – ritiene che tale progetto comporti uno svuotamento delle attività sanitarie qualificanti svolte dall’Ospedale San Paolo che è anche un Polo Universitario. È un vecchio progetto di Gallera (ex Assessore al Welfare) che sembrava tramontato: un’operazione che priverebbe l’utenza (circa 500.000 persone nel Sud Ovest milanese) di un polo ospedaliero pubblico fondamentale nel quale nel 2020 il Pronto Soccorso  ha gestito circa 100.000 accessi. Inoltre il progetto rischia di mettere in discussione la solidità del posto di lavoro degli attuali addetti.
“Tutto ciò sembra confermato anche dal POAS (Piano di Organizzazione Aziendale Strategico) formulato dalla Direzione Strategica dell’ASST Santi Paolo e Carlo che sarà in discussione prossimamente nella 3ª Commissione Sanità di Regione Lombardia. Un documento strategico che, da un’attenta lettura, modificherebbe le strutture organizzative e gestionali nell’ottica di andare verso la riconversione dei Presidi ma che certo non va incontro ai bisogni della cittadinanza”. Secondo il Comitato, nessuna analisi epidemiologica, demografica e del contesto socio-economico delle zone è alla base delle scelte strategiche di questo Piano Organizzativo Aziendale, di cui manca un progetto complessivo per gli ospedali della città di Milano, mentre è in corso una riorganizzazione della sanità lombarda.

Il comunicato

La Giunta regionale lombarda vuole svuotare l’Ospedale S. Paolo

La Giunta della Regione Lombardia (Lega – Fratelli d’Italia – Forza Italia) il giorno 6 settembre ha fatto una delibera concernente la Sanità milanese che avrà ricadute sui servizi di tutti i Municipi della Città di Milano.
Per quanto riguarda i Municipi 5, 6, 7 e molti comuni del Sud Ovest milanese, tra le altre cose, si propone di convertire l’Ospedale San Paolo in un Polo di Degenza a bassa intensità e cure intermedie e di realizzare al suo interno un Ospedale di Comunità (20/30 posti letto) con annessa Casa della Comunità, mentre le alte specialità  e gli interventi d’urgenza sarebbero svolti solo dall’Ospedale San Carlo. Tale progetto, di fatto, porterà a uno svuotamento delle attività sanitarie qualificanti svolte dall’Ospedale e rischia di mettere in discussione la solidità del posto di lavoro degli attuali addetti.
Si tratta di un’operazione che ci vede fortemente contrari perché priverebbe l’utenza (circa 500.000 persone) di un polo ospedaliero pubblico fondamentale, a favore di nuovi e vecchi soggetti privati. Al contrario, siamo convinti fortemente che, invece, il San Paolo vada ristrutturato, messo in sicurezza, potenziato, migliorando l’offerta dei servizi e l’efficacia clinica delle varie attività.
Dobbiamo bloccare sul nascere questo progetto. Si deve formare un fronte ampio che comprenda i partiti di opposizione, le Organizzazioni Sindacali rappresentative degli addetti del settore, i Sindaci e i Presidenti di Municipio interessati, la popolazione e i Comitati, per respingere i progetti della Giunta lombarda e favorire la costituzione di un modello sanitario alternativo a quello attuale.
Per aderire al Comitato scrivete acomitatomilano.sanitapubblica@gmail.com
Per seguire il Comitato su FBcomitatomilano.sanitapubblica

Delibera Giunta regionale Lombardia del 06/09/2021 su Municipio 6 e Ospedali S. Paolo e S. Carlo (stralcio)

 

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO