Parcheggio di piazza Abbiategrasso, pronto il bando

Per la realizzazione del parcheggio “a raso” di piazza Abbiategrasso forse è la volta buona. Il consiglio di amministrazione di MM, l’azienda incaricata dal Comune di Milano di coordinare l’intervento, il 15 di marzo scorso

parcheggio abbiategrasso

Per la realizzazione del parcheggio “a raso” di piazza Abbiategrasso forse è la volta buona. Il consiglio di amministrazione di MM, l’azienda incaricata dal Comune di Milano di coordinare l’intervento, il 15 di marzo scorso ha approvato il progetto del parcheggio. Sempre secondo fonti aziendali nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando e tempo quattro mesi si dovrebbe chiudere la gara. Una volta assegnati i lavori, la consegna della infrastruttura ultimata è prevista dopo 8 mesi. Significa che per la primavera del 2018, se non ci saranno intoppi, il parcheggio sarà pronto. La vicenda di questo intervento però non lascia spazio a facili entusiasmi.

L’ultima volta che annunciammo l’inizio dei lavori fu giusto un anno fa, quando scrivemmo che sarebbero iniziati in estate. Questo dopo che un’altra falsa partenza, che prevedeva l’inizio dei lavori nei primi mesi del 2016, era stata disattesa. Ma è l’intera storia del parcheggio che è una metafora della lentezza esasperante della Pubblica amministrazione. Di questa infrastruttura si iniziò a parlare infatti oltre 10 anni fa, quando sindaco e commissario governativo al Traffico era Gabriele Albertini, vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Riccardo De Corato. Poi l’avvicendarsi di tre giunte, cambi di progetto (il parcheggio inizialmente doveva essere interrato), verifiche di fattibilità (si scoprì l’esistenza di una falda acquifera troppo alta), l’inaugurazione del parcheggio da 2.100 posti ad Assago, allontanarono l’avvio dei lavori. Unico segno di vita del progetto, l’estemporanea realizzazione, come oneri di urbanizzazione, del moncone di pista ciclabile che da via dei Missaglia arriva all’ingresso della Cascina Campazzo.

Ora, secondo il progetto redatto da MM anni fa e che dovrebbe essere confermato nell’attuale bando, il futuro parcheggio dovrà essere a pagamento, recintato e video sorvegliato da parte del personale di Atm, con casse automatiche, una guardania e un bagno. Sorgerà in parte sull’area una volta occupata dal distributore Q8 e in parte sull’area incolta limitrofa. Oltre ai 150 posti auto sono previsti stalli per moto (15) e una bici stazione custodita da 140 posti e 138 liberi a rastrelliera. Con l’intervento la viabilità intorno al parcheggio subirà una piccola rivoluzione. L’ingresso e l’uscita saranno posti all’incrocio tra le vie Dudovich (a senso unico dall’incrocio con via Dini e verso via dei Missaglia) e il controviale di via dei Missaglia, che sarà aperto e sistemato (senso unico verso Sud). Contestualmente sarà reso percorribile il tratto di strada che da via dei Missaglia porta verso la parte finale di via Dini, in modo che l’ingresso al parcheggio sarà possibile solo dalla via Dudovich, mentre l’uscita sarà su via dei Missaglia. Inoltre la sistemazione della viabilità prevede anche la trasformazione della via Dudovich a doppio senso, nel tratto che da via Dini va verso via Treccani degli Alfieri. Un intervento quet’ultimo che dovrebbe alleggerire il traffico su piazza Abbiategrasso e via Montegani.

Adele Stucchi

(Aprile 2017)

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
1 COMMENTO
  • Avatar
    antonio 20 Aprile 2017

    Avete controllato la data dell’articolo?

    (Aprile 2016) !?!

SCRIVI UN COMMENTO