Partita la campagna “Sai che puoi?” per far partecipare i cittadini alla rinascita di Milano e incalzare la politica

Si è tenuta l’8 luglio la prima uscita del gruppo del Municipio 5 che aderisce al “Patto per la città collaborativa”. Nonostante un temporale violento, dalle 21,30 fin oltre mezzanotte, armati di attrezzi e tanta

Si è tenuta l’8 luglio la prima uscita del gruppo del Municipio 5 che aderisce al “Patto per la città collaborativa”. Nonostante un temporale violento, dalle 21,30 fin oltre mezzanotte, armati di attrezzi e tanta buona volontà hanno realizzato una aiuola nei giardinetti di via Montegani, accanto la scuola elementare Palmieri.

Un’azione concreta che avvia la campagna di adesione a “Sai che puoi?” (www.saichepuoi.it), promosso dal Comitato Colibrì, nello spirito dell’iniziativa e in continuità con quanto fatto con ammirevole costanza, in questi anni. Non a caso del gruppo dei 40 che ha promosso il progetto, ci sono due persone – Mario Donadio e Fabio Vergottini – da sempre molto attivi sul territorio, che neanche durante la pandemia si sono mai fermati, coinvolgendo nelle loro attività moltissime persone, il Municipio e il Comune.

«Non siamo una nuova lista politica – spiega Mario – vogliamo valorizzare le grandissime risorse che la città è in grado di esprimere, proponendo un patto a cittadini e rappresentanti politici che vi aderiranno. Ai rappresentanti delle istituzioni che saranno eletti in Municipio e Comune, chiediamo di dialogare costantemente con i cittadini e di favorire la loro partecipazione alla rinascita di una Milano bella e solidale».

“Sai che puoi?” e il Patto per la città collaborativa sono stati presentati il 1° luglio scorso in piazza della Scala, da allora è iniziata la raccolta firme online. I cittadini aderenti si impegnano ad attivarsi e contribuire alla vita pubblica della città, oltre che a verificare e sostenere l’applicazione del Patto.

I rappresentanti politici del Centrosinistra che lo sottoscriveranno – sul sito si legge: “Lo chiediamo in prima battuta allo schieramento del Centrosinistra perché il governo collaborativo deve essere sempre più un tratto di valore distintivo di una città progressista” – se eletti, dovranno impegnarsi in un confronto continuo, secondo una precisa “Cassetta degli attrezzi” che il Comitato Colibrì si impegna a verificare nei prossimi 5 anni.

Attraverso il sito è anche possibile mandare delle idee e fare delle proposte da realizzare insieme. Il motto è: “Creare una città dove ‘potere’ sia facile e alla portata di tutte e tutti”. Bisogna solo rimboccarsi le maniche. Ma questo, di sicuro, per Mario e Fabio non è mai stato un problema.

L’aiuola di via Montegani, il giorno dopo la “piantumazione”.

Foto a inizio pagina di Elena Galimberti.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO