Per una nuova legge sanitaria della Regione Lombardia: diretta streaming partendo dalle dichiarazioni programmatiche di Draghi

Domenica 21 febbraio ore 10, sulla pagina facebook del Comitato Sud Ovest Milano - Cittadini a sostegno della Sanità Pubblica si svolgerà una diretta sulla nuova legge sanitaria della Regione Lombardia, dopo la bocciatura da

Domenica 21 febbraio ore 10, sulla pagina facebook del Comitato Sud Ovest Milano – Cittadini a sostegno della Sanità Pubblica si svolgerà una diretta sulla nuova legge sanitaria della Regione Lombardia, dopo la bocciatura da parte del Governo della legge n°23/2015.
La pandemia ha messo drammaticamente in luce la grave inadeguatezza del modello Lombardia che ha drasticamente ridotto la prevenzione, smantellato la medicina preventiva e favorito la Sanità  Privata.
 
Importanti 𝗹𝗲 𝗱𝗶𝗰𝗵𝗶𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗴𝗿𝗮𝗺𝗺𝗮𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗣𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗗𝗿𝗮𝗴𝗵𝗶 𝘀𝘂𝗹𝗹𝗮 riforma della 𝘀𝗮𝗻𝗶𝘁𝗮̀ pronunciate mercoledì scorso al Senato:
“Sulla base dell’esperienza dei mesi scorsi dobbiamo aprire un confronto a tutto campo sulla riforma della nostra sanità. Il punto centrale è rafforzare e ridisegnare la sanità territoriale, realizzando una forte rete di servizi di base (case della comunità, ospedali di comunità, consultori, centri di salute mentale, centri di prossimità contro la povertà sanitaria). È questa la strada per rendere realmente esigibili i “Livelli essenziali di assistenza” e affidare agli ospedali le esigenze sanitarie acute, post acute e riabilitative. La “casa come principale luogo di cura” è oggi possibile con la telemedicina, con l’assistenza domiciliare integrata.”

Il Comitato spera 𝗰𝗵𝗲 𝗹𝗮 𝗥𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗟𝗼𝗺𝗯𝗮𝗿𝗱𝗶𝗮, 𝗶𝗹 𝗣𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗙𝗼𝗻𝘁𝗮𝗻𝗮 𝗲 𝗹’𝗔𝘀𝘀𝗲𝘀𝘀𝗼𝗿𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗦𝗮𝗻𝗶𝘁𝗮̀ 𝗠𝗼𝗿𝗮𝘁𝘁𝗶, 𝗮𝗯𝗯𝗶𝗮𝗻𝗼 inteso 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗶𝗿𝗲𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝘃𝗲 𝗮𝗻𝗱𝗮𝗿𝗲 𝗹𝗮 𝗿𝗶𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗦𝗮𝗻𝗶𝘁𝗮̀ 𝗟𝗼𝗺𝗯𝗮𝗿𝗱𝗮.

Tanti gli ospiti illustri per approfondire il tema dal punto di vista tecnico e politico: a partire da Carmela Rozza, Consigliere PD Regione Lombardia, a Piera Landoni, Responsabile Comitato Sanità PD Milano Metropolitana, ad alcuni sindaci della zona sud di Milano, ai consiglieri dei Municipi 5, 6 e 7 e ai rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil.
 
 

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO