Presentata la stagione 2017 de laVerdi

Lo scorso 18 ottobre il presidente Gianni Cervetti, l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno e il direttore esecutivo e artistico Ruben Jais hanno presentato il cartellone 2017 dell’orchestra laVerdi. Una stagione, la prima dopo l’addio

, Presentata la stagione 2017 de laVerdi

immagine-5Lo scorso 18 ottobre il presidente Gianni Cervetti, l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno e il direttore esecutivo e artistico Ruben Jais hanno presentato il cartellone 2017 dell’orchestra laVerdi. Una stagione, la prima dopo l’addio di Luigi Corbani alla direzione generale, che non sarà sotto la guida del maestro e direttore musicale Zhang Xian, ruolo che ricopriva dal 2009, unica donna nel panorama europeo alla guida di una grande orchestra stabile. Terminato il suo contratto la Zhang continuerà la collaborazione con l’orchestra semplicemente come direttore ospite.

Secondo quanto annunciato dal direttore artistico Ruben Jais, laVerdi non cercherà subito un sostituto perché «Con i musicisti – ha spiegato il maestro Jais – abbiamo deciso di prenderci un anno di riflessione». Anche per questo la prossima stagione de laVerdi vedrà sul podio di largo Mahler direttori come Oleg Caetani, Gaetano d’Espinosa e John Axelrod, che in questi anni hanno contribuito a far crescere l’orchestra. In ogni caso la stagione del 2017 si annuncia di grande interesse, con un programma dalla formula consolidata che tra grandi classici e autori meno noti al grande pubblico spazia dal Barocco alla Contemporanea e che anche quest’anno vede l’apertura della stagione sinfonica (che conta ben 34 programmi diversi) con la Nona di Beethoven diretta dal maestro Claus Peter Flor. Ampio spazio al repertorio francese con le musiche di Bizet, Ravel, Poulenc e Berlioz diretti da Patrick Fournellier; a quello russo con la Cantata di Prokof’ev, in occasione del 100° anniversario della rivoluzione russa, e le Sinfonie n. 5 e 6 di ČCajkovskij. Spazio anche ai 5 Concerti per pianoforte di Beethoven e i 3 Concerti per pianoforte di Mozart.

L’orchestra mantiene un importante livello di ricerca accostando ai grandi nomi di compositori meno conosciuti proponendo ad esempio, l’Orfeo. Flebile queritur lyra di Colasanti o la Sinfonia in La di Marinuzzi. Gli habitué dell’Auditorium di Milano poi apprezzeranno sicuramente il ritorno anche per quest’anno dell’appuntamento con l’opera grazie alla messa in scena di Gianni Schicchi di Puccini che va a completare il Trittico di cui laVerdi ha già eseguito Il tabarro e Suor Angelica. Una delle novità è che la programmazione della fortunata accoppiata film e musica viene “destagionalizzata” e pertanto non più relegata ai soli mesi estivi, una selezione di film cult quali Ritorno al futuro, Indiana Jones – I predatori dell’arca perduta e Star Trek che lascia intendere l’intento da parte de laVerdi di attrarre sempre di più nuovi pubblici. E sempre in quest’ottica sono le proposte della stagione del Crescendo in musica che si muovono tra le fiabe e il repertorio sinfonico. Inoltre segnaliamo la nuova collaborazione con il Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica) che porterà in Auditorium di Milano i vincitori dei cinque corsi di perfezionamento che lo stesso Cidim organizza in diverse parti d’Italia. Per concludere, anche i concerti di musica da camera, che hanno sede proprio al Mac in piazza Tito Lucrezio Caro, si rinnovano con 19 concerti che accompagneranno il pubblico da gennaio a dicembre con un cartellone in cui saranno protagonisti dieci interpreti di due importanti etichette, Cidim e Universal. A conclusione della conferenza il presidente Cervetti si è detto molto soddisfatto «la prossima sarà una stagione all’altezza della consolidata tradizione “verdiana”, sia in termini di programmi, mirati a soddisfare esigenze e aspettative del nostro pubblico appassionato, sia sotto il profilo della qualità».

La V sinfonia di Mahler all’Auditorium Claus Peter Flor torna l’11 e il 13 novembre sul podio dell’Auditorium di Milano per dirigere l’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi nei cinque movimenti della bellissima Quinta sinfonia del grande Gustav Mahler.

Info e biglietti: www.laverdi.org

Salvatore Costantino

(Novembre 2016)

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO