Presentato il progetto di riqualificazione del Centro Sportivo Parenzo: previsti nuovi impianti per il quartiere e la città

Dopo tre anni di lavoro, dovuto alle lunghe procedure e alle recenti normative previste dalla legge, è stato presentato in commissione sport del Municipio 6 il progetto per la riqualificazione del Centro Sportivo sito in

Dopo tre anni di lavoro, dovuto alle lunghe procedure e alle recenti normative previste dalla legge, è stato presentato in commissione sport del Municipio 6 il progetto per la riqualificazione del Centro Sportivo sito in via Parenzo 2. A vincere il bando, due associazioni: APS Arteka (Associazione di Promozione Sociale) e ASD MiBeach (Associazione Sportiva Dilettantistica).

Vista l’importanza del progetto per il quartiere del Ronchetto S/N, l’assessore allo sport del Municipio 6, Costanzo Ariazzi, ha invitato l’assessora allo Sport del Comune, Roberta Guaineri, e ha voluto ringraziare per l’impegno profuso l’assessore, i tecnici del Comune e del Municipio 6. Ha espresso grande soddisfazione per la definizione del progetto che darà al quartiere un impianto bello, moderno e finalmente tutto a norma, auspicando che contribuisca a recuperare i rapporti col territorio.

L’assessora Guaineri ha voluto rimarcare come i concessionari di questo tipo di impianti svolgano un ruolo importante di presidio sul territorio, di aiuto alle famiglie, agli adulti e ai ragazzi. Anche perché investono soldi e professionalità in impianti che il Comune non sarebbe in grado di gestire, dando impulso allo sport di base. Il Comune ha aiutato, oltre che con soldi stanziati dallo Stato per il Covid, con propri fondi per chi non è riuscito ad ammortizzare le perdite di questi mesi di pandemia.

Sulla partecipazione al bando abbiamo sentito Barbara Palumbo di Arteka, che insegna danza e fa l’assistente alla regia presso enti lirici. «Con Sergio Seregni erano tre anni che sognavamo di riuscire a prendere questo spazio dove Arteka era già affittuaria da diverso tempo – racconta Barbara –. Il bando è uscito ad aprile 2018 lo abbiamo valutato, per fare una progettazione adeguata alle esigenze del territorio e agli spazi a disposizione ci siamo serviti di uno studio di architettura e poi, come ATS (Associazione Temporanea di Scopo) abbiamo partecipato. Due associazioni con vocazioni diverse, ma con lo stesso obiettivo di rendere un servizio alla cittadinanza e far rivivere questo centro che era ormai in uno stato di grave abbandono parziale. A fine agosto 2020 abbiamo firmato la concessione, con durata di 15 anni, che prevede un affitto annuo di 15 mila euro. Degli impianti esistenti stiamo utilizzando, in attesa della realizzazione di quelli nuovi previsti nel nostro progetto, il settore danza, il campo coperto per la scuola tennis e, a novembre, anche i due campi tennis che stiamo ristrutturando e un terzo sarà riconvertito a beach tennis».

A Sergio Seregni di MiBeach, atleta in attività, chiediamo invece quali saranno le nuove strutture previste dal progetto. «Lavori di ristrutturazione dell’esistente li abbiamo già fatti – spiega Seregni –. Realizzeremo, sempre a nostre spese, nuovi spogliatoi con al piano superiore una sala per allenamento e preparazione che supporterà le attività fisiche praticate nei campi e per i diversi sport. Saranno costruiti altri tre campi in sabbia polifunzionali per beach volley e beach tennis, tra i quali verrà anche creato un piccolo chiosco bar. Sulla collinetta esistente verrà realizzata un’area wi-fi con vista sui campi da gioco, anche per assistere ai tornei che vogliamo promuovere. Ci saranno un’area giochi nuova nel verde, attrezzata per i bambini, e anche campi bocce. L’accesso al centro è aperto a tutti: chiunque potrà utilizzare con i bambini le aree giochi, i bar e vedere le gare. Noi chiediamo un tesseramento annuale di sole 10 euro con copertura assicurativa; chiunque, giovani, adulti, atleti con disabilità e anziani potranno iscriversi ai corsi previsti di sport, danza, yoga, pilates e musica. Noi pensiamo che con quest’offerta possano venire sia cittadini del quartiere sia di altre zone del Municipio 6, della città e anche dei comuni limitrofi, perché in questa parte del sud Milano sono previsti importanti e positivi cambiamenti per i mezzi di trasporto. Oltre al tram 2 che prolungherà il capolinea da piazza Negrelli al quartiere Tre Castelli, avremo la linea 4 della MM, la passerella ciclo pedonale dalla stazione di S. Cristoforo e il raccordo della pista ciclabile dell’Alzaia con quelle della zona e il parco lineare da Porta Genova al Ronchetto S/N. Il nostro scopo principale è far riacquistare a bambini e giovani, rivolgendoci anche alle scuole vicine, una socialità in sicurezza attraverso lo sport e coltivare delle passioni sane nel proprio quartiere con impianti di prossimità».

«Sono sicura che il centro sarà un punto di riferimento anche per quella fascia d’età molto critica degli adolescenti e dei ragazzi – ha concluso l’assessora Guaineri – che, fino alle scuole medie, praticano lo sport spinti dalla famiglia e che poi nelle superiori abbandonano l’attività sportiva per riprenderla magari più tardi quando si rendono conto della sua importanza. La funzione di questi centri è di diventare dei punti di ritrovo dei ragazzi sia per le attività sportive sia per quelle culturali, al di là dell’amore per lo sport».

Per info: www.artekaweb.com – www.mibeach.it

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO