Reddito minimo e lotta alla povertà: 154 milioni in 5 anni

«Adesso è tempo di introdurre il reddito minimo comunale», l’ex candidato alle Primarie del Centrosinistra per l’elezione a sindaco, è tornato sul piatto forte della sua proposta, e lo ha fatto durante una riunione della

«Adesso è tempo di introdurre il reddito minimo comunale», l’ex candidato alle Primarie del Centrosinistra per l’elezione a sindaco, è tornato sul piatto forte della sua proposta, e lo ha fatto durante una riunione della Commissione Bilancio del Comune, nella sua veste di assessore alle Politiche Sociali.

majorinoPierfrancesco Majorino interveniva commentando il documento previsionale per l’anno corrente. Sostegno al reddito e contrasto alle nuove povertà sono centrali, rispetto al governo della città: un concetto ribadito con forza dall’assessore, che ha idee molto chiare per quanto riguarda la possibilità di introdurre il reddito minimo: «Sono convinto che a Milano si debba continuare su questa strada aumentando le risorse messe a disposizione e introducendo il reddito minimo comunale, una misura oggi più che mai necessaria e realizzabile operando scelte mirate recuperando 15 milioni di euro su 3 miliardi complessivi a bilancio».

Con 154 milioni di euro in 5 anni, 27 milioni dei quali messi a bilancio per il 2016, Milano – come confermato dall’Istituto per la Ricerca sociale (Irs) – è la città che ha messo in campo più risorse per combattere gli effetti della crisi e della perdita del lavoro. Nel 2016 il Comune destinerà 225.554.960 euro a servizi e contributi per anziani, famiglie con minori e persone con disabilità di cui 177.619.130 euro (pari al 78%) di provenienza comunale e i restanti derivanti da fondi statali e regionali vincolati: beneficiari degli interventi saranno 71.000 milanesi con un aumento del 20 per cento delle persone assistite (in particolare anziani e persone con disabilità).

«I dati – spiega l’assessore – confermano la tenuta dei servizi e dei contributi con un lieve ma costante aumento nel corso degli anni. Al sostegno al reddito destineremo 27 milioni di euro che saranno ripartiti tra anziani, persone con disabilità, adulti in difficoltà e famiglie. Questo è uno degli interventi che fin dall’inizio ha caratterizzato il bilancio delle Politiche sociali per far fronte al triplicarsi delle domande di contributo». Fra le varie voci, viene ricordato che ai servizi per l’immigrazione il Comune destinerà solo risorse messe a disposizione dallo Stato.

Saverio Paffumi

(Marzo 2016)

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO