Scelti i tre membri che costituiscono il Garante del verde, del suolo e degli alberi del Comune di Milano. Coinvolti i municipi

Il Garante del suolo e del verde è stato istituito nel 2021 dal Consiglio comunale quale organismo collegiale per vigilare sulla corretta applicazione delle normative in materia di consumo del suolo e di tutela del

Il Garante del suolo e del verde è stato istituito nel 2021 dal Consiglio comunale quale organismo collegiale per vigilare sulla corretta applicazione delle normative in materia di consumo del suolo e di tutela del verde. La tutela e la valorizzazione del suolo e del verde difatti sono sempre più al centro delle azioni dell’Amministrazione.

Il Garante prevede tre membri scelti tra le persone che meglio si distinguono per il loro impegno professionale nel campo delle scienze ambientali, urbanistiche e agronomiche.

 Il 29 dicembre, sono stati nominati i tre componenti che in forma collegiale costituiranno il Garante del verde, del suolo e degli alberi del Comune di Milano. Sono Alessandro Bianchi, Nicola Noè e Ilda Vagge

Il garante del suolo e del verde

Compito del nuovo organismo è quello di contribuire a garantire la salvaguardia del suolo, l’incremento del verde urbano e la tutela degli alberi; di promuovere azioni di ascolto e d’informazione nei confronti della cittadinanza; di dialogare con gli uffici comunali riguardo ai progetti di compensazione legati al consumo di suolo, nonché di vigilare sull’evoluzione del suo uso e sulla dotazione di superfici verdi, di alberi e sul loro incremento, informando e coinvolgendo la cittadinanza.

Questi compiti saranno svolti in collaborazione anche con i municipi che insieme ai garanti vigileranno sugli interventi sul suolo e sul verde privato e sulla corretta applicazione del Regolamento d’uso e tutela del verde pubblico e privato. Infine potranno promuovere iniziative di divulgazione della conoscenza delle piante e della loro fisiologia producendo e distribuendo materiale informativo.

I membri prescelti

I tre garanti  resteranno in carica per cinque anni e svolgeranno il proprio incarico pro bono, riferendo al Sindaco, alla Giunta, al Consiglio comunale e alle Commissioni; avranno accesso agli atti amministrativi e potranno riferire e richiedere iniziative e interventi agli organi del Comune ogni qualvolta lo riterranno opportuno.

 Tra le 22 candidature giunte in risposta al Bando pubblicato sul sito del Comune di Milano, sono stati selezionati:

• Alessandro Bianchi, nato a Rimini nel 1969, laureato in Architettura con Dottorato di ricerca in Rilievo e rappresentazione dell’architettura e dell’ambiente. Vanta una pluriennale e qualificata esperienza nell’insegnamento universitario nel settore dell’architettura e degli studi urbani, nonché un significativa attività professionale nel campo dell’architettura e del paesaggio, è autore di numerosi articoli scientifici e libri sui temi del verde e del paesaggio.

• Nicola Noè, nato a Milano nel 1960, laureato in Scienze agrarie con Dottorato di ricerca in Biologia vegetale e produttività della pianta coltivata, conta su una qualificata e pluriennale esperienza nell’insegnamento universitario nel settore della botanica e dell’arboricoltura, nonché una decennale esperienza nella progettazione del verde urbano e della tutela dell’ambiente, oltre ad annoverare numerosi incarichi in qualità di esperto in materia paesagistico-ambientale di Commissione Edilizia e componente di Commissione Paesaggio in diversi enti locali.

• Ilda Vagge, nata a Genova nel 1966 e laureata in Scienze naturali con Dottorato di ricerca in Biologia ed Ecologia vegetale in Ambiente mediterraneo, matura un pluriennale esperienza nell’insegnamento universitario nel settore delle scienze agrarie ed ambientali e dell’attività di ricerca in Biologia vegetale, nonché in qualità di membro esperto di materie naturalistiche di comitati tecnici presso diversi enti pubblici.

 

Recensioni
1 COMMENTO
  • Avatar
    Gianluca Brescia 29 Dicembre 2022

    Questo organismo doveva nascere già da diversi anni. Ma a questo punto meglio ora che mai.

SCRIVI UN COMMENTO