Le foto delle mascherine ffp2 sequestrate dalla Polizia locale a una bancarella abusiva in centro

Scarseggiano ovunque le mascherine ffp2! Pare d'essere ritornati all'inizio della pandemia a febbraio 2020 quando non si trovavano le mascherine chirurgiche e i furbetti se ne approfittavano  per vendere mascherine di dubbia provenienza e soprattutto di

Scarseggiano ovunque le mascherine ffp2! Pare d’essere ritornati all’inizio della pandemia a febbraio 2020 quando non si trovavano le mascherine chirurgiche e i furbetti se ne approfittavano  per vendere mascherine di dubbia provenienza e soprattutto di dubbia efficienza e a prezzi esosi.

Ebbene, a quasi due anni  dall’inizio pandemia, nell’ambito di un controllo in strada, il Nucleo Duomo della Polizia locale ha sequestrato giorni fa 1.050 mascherine ffp2 vendute senza autorizzazione commerciale da un cittadino di origine filippina che aveva allestito una banchetto  abusivo in centro, in via Dogana.

“Intorno alla bancarella si era formato un assembramento di persone che ha attirato l’attenzione degli agenti in pattuglia. Si sono avvicinati e hanno trovato il banchetto sul quale erano esposte mascherine di vari colori, rosse, rosa, blu, nere e bianche, vendute in scatole da 30 dispositivi, dotate di marchio CE, a 7 euro ciascuna”.

La Polizia locale avverte di non acquistare mai nulla presso le bancarelle abusive, tantomeno le mascherine ffp2. Potrebbero essere contraffatte e di dubbia efficienza se non pericolose per la salute se non soddisfano i requisiti di efficacia protettiva richiesti dalle norme Uni En.

Nelle immagini il modello di  mascherine ffp2 sequestrate.

 

 

 

 

 

Giornalista per caso… dal 1992, per una congenita passione per la fotografia. Dalle foto ai testi il passo è breve: da riviste di viaggio e sportive ai più quotati femminili e quotidiani nazionali sui temi del mondo del lavoro. Ho progettato e gestito newsletter di palestre e centri fitness. Ora faccio parte degli intrepidi inviati di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO