Il Sessantotto 50 anni dopo

Che cosa resta delle idee, dello spirito, delle passioni politiche, di quel movimento che 50 anni fa in poco tempo prese forma e infiammò dal maggio all’autunno le scuole le piazze di intere città da

, Il Sessantotto 50 anni dopo

Immagine 2Che cosa resta delle idee, dello spirito, delle passioni politiche, di quel movimento che 50 anni fa in poco tempo prese forma e infiammò dal maggio all’autunno le scuole le piazze di intere città da Parigi a Londra, da Berlino a Los Angeles, da Tokyo a Varsavia per giungere a Roma e Milano? Quel movimento che provocò un’enorme onda di partecipazione composta da milioni di studenti e di lavoratori, dove nacque e perché? Per rispondere a queste domande è nata l’idea di organizzare il 20 maggio prossimo dalle ore 16 alle 21, sotto il portico della biblioteca di Chiesa Rossa vicino al Bar Micro, con le tante associazioni culturali del territorio del Municipio, una iniziativa evocativa, ma al tempo stesso di festa e di riflessione. Un evento culturale multidisciplinare, in cui convivranno insieme: musica e arte, cultura e confronto, con buon cibo e una birra. La festa sarà animata dal gruppo musicale dei “Numantini” storico gruppo di Legnano sempre attivo nella cultura e nella sinistra locale degli anni settanta. Il gruppo ha preparato e arrangiato per “W il 68 -50 anni dopo, facciamogli festa” un repertorio di classici dell’epoca che saranno proposti e alternati nel corso di un interessante programma di interventi e testimonianze di personaggi prestigiosi, testimoni del tempo.
Hanno confermato al momento la loro presenza alla festa:
• Marco Boato – sociologo, parlamentare, autore del libro, “il lungo 68 in Italia e nel mondo”.
• Barbara Pollastrini – docente, parlamentare, ministro nel secondo governo Prodi.
• Antonio Pizzinato – sindacalista, Segretario Generale della Cgil, politico, Presidente Anpi Lombardia
• Marco De Poli – direttore de “La Zanzara”, giornale del Liceo Parini Milano, nel ’66 coinvolto, a causa di un’inchiesta sulla condizione femminile, in un processo con l’accusa di stampa oscena e corruzione di minorenni.
• Sandro Antoniazzi – sindacalista, Segretario Cisl Lombardia, Fondazione S. Carlo autore di vari libri.
• Alberto Rollo – scrittore, saggista, critico letterario, autore di “Un’educazione milanese”.
• Valentina Agostinis – giornalista televisiva, autrice del libro, “Swinging city”.
• Luciano Pero – docente del Politecnico, consulente, esperto di organizzazione aziendale.
La serata sarà organizzata in tre momenti, conseguenti e legati uno all’altro, si inizierà con la musica che accompagnerà i vari step a partire dalle testimonianze, si proseguirà con le letture di brani di alcuni studenti rappresentanti delle varie università accademiche di Milano, con l’obiettivo di rappresentare e delineare un filo contestuale e un racconto, tra gli effetti culturali, politici, i sintomi di cambiamento dell’epoca del ’68 – rispetto all’attuale fase storica e sociale – osservato dal punto di vista dei ragazzi di oggi, come lo vivono? come immaginano il loro futuro? Cosa è cambiato in meglio o in peggio rispetto ad allora.
Nella terza parte si terrà una tavola rotonda con la presentazione dei libri citati e la presenza degli autori. Grazie a ”Libretta”, il negozoi su due ruote curato dal libraio itinerante Luca Ambrogio Santini, si potranno acquistare sul posto libri che parlano del ‘68 (e non solo).
Infine l’intenzione è quella di predisporre una mostra fotografica, in cui le foto si pongono l’obiettivo di rappresentare alcuni luoghi simbolici e volti di donne e uomini che hanno vissuto quegli anni. Essendo la Biblioteca Chiesa Rossa chiusa fino a giugno, si raccoglierà comunque materiale per una mostra che sarà resa allestita più avanti. L’evento sarà realizzato in collaborazione con: le Associazioni e Cooperative che gestiscono lo spazio Micro, l’Associazione Milanosud, Centro Culturale Conca Fallata, Associazione Centro Comunitario Puecher, Circuiti Dinamici, Compagnia dell’Anello, FITeL Lombardia, Associazione Parco Ticinello, Associazione Culturale Quanti.

Per informazioni e adesioni: scrivere a: natale.carapellese@gmail.com Natale Carapellese Consigliere Pd del Municipio 5

 

Natale Carapellese

(Maggio 2018)

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, blogger appassionata di cinema e teatro, talentuosa grafica e webmaster, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, forte della sua estrazione umanista veste con grazia e competenza le testate digitali e su carta di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO