Triennale. Concerto con Mónika Lakatos, la più bella voce di musica zigana europea, e Romengo Band

Al Salone d’onore della Triennale di Milano, per la prima volta in concerto in Italia, Mónika Lakatos, erede della musica tradizionale rom ungherese,  sarà sul palco  con il marito Mihály "Mazsi" Rostás, con cui ha fondato

Al Salone d’onore della Triennale di Milano, per la prima volta in concerto in Italia, Mónika Lakatos, erede della musica tradizionale rom ungherese,  sarà sul palco  con il marito Mihály “Mazsi” Rostás, con cui ha fondato Romengo, compagnia specializzata nel repertorio musicale gitano Olah:

Lunedì 12 dicembre ore 19.00

Mónika Lakatos, la più bella voce di musica zigana europea, e Romengo si esibiranno in un concerto di musica tradizionale rom, in occasione dell’evento conclusivo del padiglione Rom e Sinti E l’Una Non si Muove senza l’Altra, parte della  XXIII Mostra della Triennale di Milano, 
Un’occasione per scoprire l’arte e la cultura di un popolo attraverso la musica.

L’invito al concerto è offerto, in collaborazione con Comune di Milano, da Eriac (European Roma Institute of Art and Culture), dalle associazioni Upre Roma aps e Kethane Italia aps.

Mónika Lakatos

Erede della grande tradizione della musica dei rom ungheresi che ha ispirato i grandi musicisti dell’epoca romantica e non solo, Mónika Lakatos, nata a Budapest da una famiglia di rom Olah, ha imparato a cantare da suo padre e dalle zie della sua comunità. Con suo marito Mihály “Mazsi” Rostás ha fondato Romengo, suonando canzoni della tradizione musicale gitana Olah. Ha girato tutta l’Europa e si è esibita anche in otto Paesi sudamericani e asiatici, alla Filarmonica di Berlino e all‘Opera di Francoforte.

Due  album di Romengo sono stati inclusi nella top 10 della World Music Charts Europe, così come il primo album solista di Mónika, Romanimo (2017). In Romanimo Mónika canta le canzoni hallagto della tradizione musicale romani-ungherese. L’album è stato selezionato per la top 5 della World Music Charts Europe.

Mónika ha ricevuto il Premio Anna Lindh al Babel Med Festival del 2007, il Parallel Culture Award al Mediawave Festival 2013 ed è stata onorata con il premio For Minorities del governo ungherese. Nel 2019 è stata inserita da Kult50, nella top 50 degli artisti ungheresi più influenti di Fidelio Magazine. Nel 2020 Mónika è diventata la prima rom a ricevere il WOMEX Artist Award, il premio più prestigioso della musica mondiale.

Dove e registrazione

Triennale di Milano, Viale Alemagna 6, Milano

Ingresso libero previa registrazione: triennale.org 

Evento correlato

Mostra al Padiglione Rom e Sinti:  “E l’Una Non si Muove senza l’Altra” opere scultoree dell’artista rom
Emília Rigová, sviluppate in collaborazione con la comunità Rom milanese. Aperta fino all’11 dicembre 2022.

 

Giornalista per caso… dal 1992, per una congenita passione per la fotografia. Dalle foto ai testi il passo è breve: da riviste di viaggio e sportive ai più quotati femminili e quotidiani nazionali sui temi del mondo del lavoro. Ho progettato e gestito newsletter di palestre e centri fitness. Ora faccio parte degli intrepidi inviati di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO