Un progetto per l’inclusione degli studenti in difficoltà

L’anagrafe scolastica ha evidenziato già da alcuni anni la crescente presenza nelle scuole di un numero elevato di alunni con difficoltà di apprendimento, secondo i modelli di insegnamento abituali, che quindi richiedono interventi particolari. Sono 764

L’anagrafe scolastica ha evidenziato già da alcuni anni la crescente presenza nelle scuole di un numero elevato di alunni con difficoltà di apprendimento, secondo i modelli di insegnamento abituali, che quindi richiedono interventi particolari.

Sono 764 gli studenti Dsa (Disturbi specifici dell’apprendimento) certificati presenti nelle scuole di zona, il 4,6 % sul totale. Si tratta di scolari che richiedono progetti educativi personalizzati, come prevede la Legge 53/2003 che, insieme alla successiva nota ministeriale (C.M. 6 marzo 2013), “delinea e precisa la strategia inclusiva della scuola italiana al fine di realizzare appieno il diritto all’apprendimento per tutti gli alunni e gli studenti in situazione di difficoltà”, evidenziando il ruolo fondamentale dell’azione didattica ed educativa, e quindi il dovere per tutti i docenti, di realizzare la personalizzazione del processo formativo di ogni alunno, anche attraverso l’utilizzo, quando necessario, di misure dispensative e strumenti compensativi.

Otto Istituti scolastici di zona, scuole Primarie e Secondarie, hanno presentato progetti rispondenti ai criteri individuati dalla Commissione Educazione: percorsi didattici e/o laboratoriali a sostegno dell’apprendimento degli alunni Dsa e Bes (bisogni educativi speciali), gruppi di studio e doposcuola dedicati agli studenti, azioni di informazione e supporto per le famiglie. Alla realizzazione di questi progetti la Zona ha destinato contributi di entità variabile a seconda delle azioni proposte e del numero di studenti destinatari.

Come l’anno scorso, anche quest’anno la Zona organizzerà inoltre un percorso formativo destinato agli insegnanti e incontri per i genitori. È un impegno importante, di oltre 10mila euro, su una tematica che coinvolge un gran numero di famiglie e di giovani che, grazie a un adeguato iter di apprendimento che utilizzi strategie e strumenti opportuni, possono recuperare fiducia nelle proprie capacità e ottenere il successo formativo.

Luisa Gerosa
presidente commissione Educazione Zona 5 

Elisa Paci, 24 anni, laureata in Comunicazione e Società (Scienze Politiche), blogger e fotografa, ha uno spirito internazionalista, che la porta a viaggare a Milano e nel mondo, in aiuto di chi non ce la fa, siano persone, interi popoli o piccole redazioni digitali. Per lei il reaggae è il massimo.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO