Un’idea di felicità

La felicità esiste? In una società in cui è radicata l’idea che la felicità si può raggiungere solo attraverso la ricchezza e il possesso di beni materiali, la provocazione prende un sapore beffardo. “Un’idea di

unideadifelicitàLibroLa felicità esiste? In una società in cui è radicata l’idea che la felicità si può raggiungere solo attraverso la ricchezza e il possesso di beni materiali, la provocazione prende un sapore beffardo. “Un’idea di felicità” raccoglie un’affascinante conversazione fra due autori d’eccezione, restituita ai lettori con scrittura lieve, come sa fare solo chi è convinto di quanto va affermando.

Le voci di Luis Sepùlveda e Carlo Petrini si alternano in sette capitoli: parlano di un mondo possibile, sostenibile e generoso se c’è la consapevolezza di voler abbandonare comportamenti dettati da ritmi di vita e di lavoro frenetici. Sette idee restituiscono il loro manifesto sulla felicità. E affermano gli autori – bisogna ridare valore alla natura, rispettare la Madre Terra, abbandonare l’idea di obiettivi irraggiungibili e devastanti per sé e per gli altri. La narrazione non perde mai d’intensità: i ricordi e i pensieri dei due scrittori, ciascuno con le proprie esperienze e vissuti, si intrecciano nella riflessione che attraversa attualità e letteratura, gastronomia e politica, difesa della natura e della tradizione.

Seppure con caratteristiche che li distinguono Petrini e Sepùlveda si sono sempre spesi per proporre un diverso modo di rapportarsi con l’esistenza, per un ritorno alla lentezza e alla natura come luogo di nutrimento, come luogo di protezione, come ricerca di vita, di radici, dell’origine. Anche tra queste pagine suggeriscono di seguire quel “diritto al piacere che è oggi il più rivoluzionario, democratico, umano degli obiettivi. Perché anche noi possiamo smettere di correre verso una destinazione ignota, e ricominciare pienamente a esistere”.

Luis Sepùlveda si è sempre battuto a favore dei diritti dei Popoli e per la salvaguardia dell’ambiente. Carlo Petrini è il fondatore di Slow Food, Terra Madre e l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Lea Miniutti

Luis Sepùlveda, Carlo Petrini 
Un’idea di felicità Guanda 
pp.160, euro 13

Laureata in Comunicazione politica e sociale, blogger e fotografa d’assalto, aggredisce la cronaca spregiudicatamente e l’html senza alcuna reverenza (e il sito talvolta ne risente), ma con la redazione è uno zuccherino. La sua passione è il popolo.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO