Vaccini: prima giornata dedicata agli over 80. Due i super centenari del Municipio 6: Ebe e Giovanni che esortano “vaccinatevi”

Si è conclusa  bene la prima giornata di vaccinazione per gli ultra ottantenni della Lombardia. Nel Municipio 6 i primi a essere stati vaccinati sono Ebe e Giovanni, 203 primavere in due, presso l'ospedale militare di Baggio, polo vaccinale

Si è conclusa  bene la prima giornata di vaccinazione per gli ultra ottantenni della Lombardia. Nel Municipio 6 i primi a essere stati vaccinati sono Ebe e Giovanni, 203 primavere in due, presso l’ospedale militare di Baggio, polo vaccinale che lavora in collaborazione con l’Asst Santi Paolo e Carlo di Milano.  Giovanni ha lanciato anche un messaggio ai cittadini: “Vaccinatevi, serve anche per proteggere gli altri!”. Nel pomeriggio saranno stati un centinaio gli over 80 a ricevere la prima dose di siero Pfizer.

“Due testimonial d’eccezione, un esempio per tutti e per il nostro territorio” ha detto Santo Minniti, Presidente del Municipio 6 che li ha accompagnati insieme al dottor Matteo Stocco, direttore generale dell’ASST Santi Paolo e Carlo, al Centro ospedaliero militare di Baggio. “È stato un piacere e un onore accompagnarli in questa bella avventura. Ci hanno parlato entrambi della voglia di tornare alla vita di prima, di rivedere i nipoti e i figli. Mai come adesso dobbiamo affidarci alla scienza: quella di oggi è stata per Ebe e Giovanni una giornata di gioia e di speranza. Che sia di buon auspicio e d’esempio per il territorio e per tutti noi!”

Grazie a un accordo con il Ministero della Difesa, il direttore della struttura dell’esercito, Fabio Zullinoconta  di arrivare a 1.300 persone vaccinate al giorno, circa 12 anziani  all’ora per ogni postazione. “Il percorso è fluido, c’è una postazione di riconoscimento all’ingresso dell’ospedale militare. Poi la compilazione del questionario anamnestico, la vaccinazione e l’attesa di un quarto d’ora prima di andare via». 

(L’immagine in evidenza e quelle qui sotto  sono tratte dalla pagina social di Santo Minniti)

L’appello di Liliana Segre: “Vacciniamoci tutti”

Già 400 mila ultra ottantenni della regione si sono iscritti al portale, ma occorre  convincerne altri 300 mila non  ancora registrati. Da qui il video con cui Liliana Segre lancia il messaggio: “Appello ai miei ‘fratelli’ e alle mie ‘sorelle’: vaccinatevi, la speranza è in un corpo sanitario che durante la pandemia si è dimostrato eroico”

La senatrice a vita testimonial della campagna, che è stata vaccinata all’ospedale Fatebenefratelli, aveva registrato un video nella sua casa. “Andiamo con fiducia a questo incontro perché sarà veramente l’unico modo che ognuno di noi ha di combattere questo grande nemico. Mi sembra che questa volta, contro un nemico invisibile, abbiamo così poche armi che l’essere vaccinati vorrà dire essere più facilmente invitati dai nostri figli, dai nostri nipoti, dai nostri amici che hanno paura di incontrarci per non passarci questo temibile virus. Mi sembra una grande opportunità a cui tutti dobbiamo rispondere, grati che si possa fare. Io ho 90 anni e sarò vaccinata, così come saranno chiamati a vaccinarsi tutti gli over 80. Credo molto nella vaccinazione, è una cosa che ho sempre seguito per tutta la vita, fin da quando ero bambina, poi quando ho viaggiato. Poi ho vaccinato i miei figli e sono stati vaccinati anche i miei nipoti. Per me non è niente di nuovo“.

 

In questa prima fase, le vaccinazioni avvengono  solo negli ospedali, dove le fiale Pfizer sono conservate  nei maxi frigo  a meno 80 gradi. Per vaccinare i soggetti anziani, fragili e “prioritari”, che non possono spostarsi da casa, provvederanno i medici di base o, qualora non siano disponibili,  le Usca, le unità speciali di continuità assistenziale, somministrando il vaccino Moderna, più facilmente trasportabile.

Giornalista per caso… dal 1992, per una congenita passione per la fotografia. Dalle foto ai testi il passo è breve: da riviste di viaggio e sportive ai più quotati femminili e quotidiani nazionali sui temi del mondo del lavoro. Ho progettato e gestito newsletter di palestre e centri fitness. Ora faccio parte degli intrepidi inviati di Milanosud.

Recensioni
NESSUN COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO