“Verso l’Abbazia”, idee, partner e una ricca flotta di mezzi elettrici promuovono il borgo e il territorio di Chiaravalle

È stata presentato ieri, 27 ottobre, alla stampa e agli abitanti del borgo “Verso l’Abbazia”, un progetto per la valorizzazione e sviluppo di Chiaravalle, a cui partecipano aziende private e soggetti del territorio, che si

È stata presentato ieri, 27 ottobre, alla stampa e agli abitanti del borgo “Verso l’Abbazia”, un progetto per la valorizzazione e sviluppo di Chiaravalle, a cui partecipano aziende private e soggetti del territorio, che si pone l’obiettivo di promuovere la storia di questo angolo medievale della metropoli e i prodotti dell’economia agricola locale, attraverso la mobilità ciclabile, in particolare elettrica.

Alla conferenza, tenutasi nel giardino dell’Hotel Borgo Nuovo – con vista sull’Abbazia – sono intervenuti Enzo Biassoni (nella foto in alto su un Cargo Bike con Bocchiola), ideatore del progetto e amministratore unico di Terraquae, azienda con una lunga esperienza in servizi di mobilità elettrica, Fabio Bocchiola, amministratore delegato di Repower Italia, gruppo attivo nel settore energetico e nella mobilità sostenibile, e Alessandro Bramati, presidente del Municipio 5 di Milano. Tra i presenti i rappresentanti della Cooperativa Koiné, che si occupa di promozione culturale e sociale e che ha rimesso in funzione l’antico Mulino di Chiaravalle, Gianfranco Gabriele, Ceo & Founder di G.Board, l’azienda di Bolzano che realizza i monopattini elettrici di “seconda generazione”, che saranno utilizzati per muoversi nel parco della Vettabbia, Robert Sturgess per Hurba, l’azienda che produce scooter elettrici e Laura Quattrocchi, in rappresentanza di Riso Scotti.

«Oggi compiamo il primo passo pubblico di “Verso l’Abbazia”, presentando i soggetti che vi parteciperanno, aprendoci ad altre adesioni e illustrando il progetto, che partirà nei primi mesi dell’anno prossimo – ha spiegato in conferenza stampa Enzo Biassoni -. Realizzeremo accanto al nostro partner Hotel Borgo Nuovo una struttura dove si potranno gustare i prodotti dell’Abbazia, a cominciare dal Grana Padano, che è nato proprio qui mille anni fa, assistere a concerti e “Aperitivi con la storia”, coniugando cultura e tempo libero, noleggiare monopattini ad alta sicurezza con ruote grandi e freni a disco, bici normali e a pedalata assistita, per muoversi lungo il parco, verso Milano e in particolare su un percorso che vogliamo promuovere, tra le abbazie del territorio. Inoltre – ha concluso Biassoni – con i CargoBike di Repower qui esposti, l’anno prossimo lanceremo un servizio di consegna dei prodotti monastici, con tante eccellenze che provengono anche da numerosi altri monasteri d’Italia e d’Europa: dalle birre trappiste ai vini d’abbazia, i liquori, i mieli e

le conserve, i prodotti tradizionali cosmetici e curativi, e altre produzioni tipiche di tutta l’area circostante. Questo servizio sarà realizzato da una cooperativa, costituitasi proprio oggi, il cui nucleo è composto da ragazzi del borgo. L’obiettivo è costruire una realtà che produca lavoro e valore, composta da operatori assicurati, con mezzi idonei, sicuri e paghe dignitose».

Dopo Enzo Biassoni è intervenuto Fabio Bocchiola di AD di Repower Italia «Perché siamo qua: Repower è un’azienda innovatrice, noi non siamo inventori, ma l’innovazione si concretizza quando si riesce a rendere fruibile un bene a una collettività. Come azienda abbiamo puntato molto su innovazione e mobilità, realizzando RepowerE, una barca elettrica che opera sul lago di Garda da 4 anni, E-LOUNGE, una panchina smart per la ricarica delle biciclette a pedalata assistita che ha vinto il Compasso d’oro quest’anno, e i CargoBike LAMBROgio e LAMBROgino, veicoli elettrici a tre ruote disegnati da Makio Hasuike, due oggetti di design che saranno a disposizione di “Verso l’Abbazia”. Stiamo parlando di un’area di Milano bellissima, ma non conosciuta come meriterebbe, ricca di storia: per noi la mobilità non significa solo trasportare persone e cose, ma anche trasportare idee».

In conclusione, Alessandro Bramati, presidente del Municipio 5 di Milano, ha sottolineato l’importanza di questo progetto per il territorio in tutta la sua complessità, dall’Abbazia alla vita del borgo, grazie anche al coinvolgimento attivo dei giovani sul piano sociale, culturale e lavorativo. Con l’auspicio che possa espandersi e raccordarsi all’Abbazia di Morimondo e ad altre realtà. Una “rete” che nella sua modernità ricalca l’antica rete dei monaci e dei monasteri.

Recensioni
1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO